blog Monigo / Via della Quercia

Il trevigiano Francesco Brutto incoronato da L'Espresso come miglior chef d'Italia

Il 28enne titolare del ristorante Undicesimo Vineria a Treviso, già premiato con due Cappelli della "Guida I Ristoranti d'Italia", è tra i migliori cuochi giovani italiani

TREVISO Qualche giorno fa il 28enne Francesco Brutto, chef e titolare del ristorante Undicesimo Vineria di via della Quercia a Treviso, è stato alla Stazione Lepolda di Firenze a ritirare il "Premio Lilia - Giovane dell'Anno" della nuova "Guida - I Ristoranti d'Italia 2017" de L'Espresso, un riconoscimento importantissimo nel mondo della ristorazione, tenendo anche conto che il suo locale è l'unico della Marca ad avere ottenuto i prestigiosi Due Cappelli! Un 2016 quindi da incorniciare per il cuoco trevigiano, anno che termina con il premio a miglior chef giovane d'Italia dopo che solo a settembre era stato tra i dieci finalisti del Premio Birra Moretti Gran Gru. Una giornata però non facile quella fiorentina per Brutto, in quanto durante la premiazione è venuta a mancare una persona per lui fondamentale: "Mentre ero a Firenze a ritirare un premio, che sognavo da quando ho preso in mano una padella, quasi nello stesso momento è venuta a mancare chi da mangiare me lo dava quando stavo ancora sul seggiolone. Purtroppo mia nonna non c'è più.  La felicità dura un secondo, godetevi i vostri nonni, i vostri genitori, i vostri amici e le vostre ragazze, dedicategli tempo e attenzioni. Il resto aspetta".

Tra i premiati in Veneto è comunque da segnalare anche "Casa Perbellini" a San Zeno di Verona che si conferma ai vertici della ristorazione italiana. Quattro i Cappelli assegnati al locale veronese dello Chef Giancarlo Perbellini: una valutazione di eccellenza stabilita dal nuovo criterio di giudizio codificato in sei fasce di qualità, da 0 a 5 Cappelli. Lo chef sorride con gli occhi che brillano e confessa: "È andata meglio di quanto mi aspettassi. Casa Perbellini ha aperto a San Zeno solo due anni fa. Ora siamo tra i primi quindici migliori d'Italia. Abbiamo sconvolto il modo di proporre la cucina gourmet, cioè abbiamo cercato di togliere il "di più" nel segno della semplicità complessa, puntando al riconoscimento di ciò che si mangia, a testimonianza che la strada che abbiamo imboccato è quella giusta e a sottolinearlo è la critica professionale. L'ambizione naturalmente è quella di continuare a crescere". La guida dei Ristoranti dell'Espresso propone oltre duemila schede su 200mila luoghi di ristorazione in Italia, perciò l'aver ricevuto Quattro Cappelli all'insegna della cucina eccellente (sono 10 i ristoranti in tutta Italia ad aver conquistato i Quattro Cappelli) è un risultato di cui andar più che fieri. Inoltre la nuova Guida del 2017 ha premiato lo Chef Perbellini anche per "Il Dopolavoro", ristorante veneziano dell'Hotel GW Marriott, gestito dallo Chef Giancarlo Perbellini coadiuvato da Federico Beltrucco.

14639598_10154078981065748_6175279287811031340_n-3

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il trevigiano Francesco Brutto incoronato da L'Espresso come miglior chef d'Italia

TrevisoToday è in caricamento