Blitz antidroga dei carabinieri: otto persone coinvolte per spaccio di cocaina

La banda avrebbe usato come base operativa un bar di San Vito di Altivole. Sequestrate dalle forze dell'ordine una ventina di dosi di droga ed una somma di 6 mila euro in contanti

SAN VITO Otto le persone coinvolte in un traffico di cocaina, che aveva come base operativa un bar di San Vito di Altivole. Dopo un anno e mezzo di indagini, i carabinieri di Castelfranco Veneto sarebbero riusciti ad incastrare parte della banda addetta allo spaccio della droga.

Secondo quanto riportato dai quotidiani locali, con l'ausilio di cani antidroga, una quarantina di militari e alcuni elicotteri che sorvolavano l'area, il blitz è scattato all'alba di mercoledì e ha portato all'identificazione del capo della banda un 40enne siciliano, L.C. residente da dieci anni a Riese Piox, che gestiva lo spaccio nel locale di proprietà di un romeno, estraneo ai fatti.

A finire nei guai anche un 33enne, A.N., e un 30enne, F.A., di professione ferraioli per alcune aziende edili, entrambi di origine siciliana e anche loro residenti a Riese Piox. A finire agli arresti domiciliari anche un romeno residente ad Asolo di 30 anni I.I., il quale oltre che a lavorare come barista nel locale in questione, avrebbe smerciato la droga.

Obbligo di presentazione presso la polizia giudiziaria, per altre quattro persone, un 30enne siciliano A.A. e un trevigiano di 25 anni, entrambi residenti a Loira. Per il momento due persone risulterebbero irreperibili, un marocchino di 47 anni e un ragazzo di 28, di origine siciliane. Le forze dell'ordine al momento della perquisizione avrebbero sequestrato complessivamente una ventina di dosi di cocaina ed una somma di 6 mila euro in contanti, probabile frutto dello spaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da quanto emerso dalle ultime indagini, ad essere segnalati alla Prefettura come assuntori di droga 38 persone, nel corso delle intercettazioni telefoniche è emerso inoltre che le dosi venivano nominate dagli indagati con il termine di "matassine", reti metalliche usate in edilizia per armature in cemento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Rapporto sessuale troppo focoso, 30enne si frattura il pene

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento