menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ruba 78 mila euro nella sala slot in cui lavora, a processo

Una 24enne residente a Vedelago è finita davanti al giudice. L'accusa è di appropriazione indebita. Le prove sarebbero schiaccianti

CASTELFRANCO VENETO - Potrebbe essersi intascata 78.755 euro in soli quattro mesi derubando la sala slot per cui lavorava. Una dipendente di 24 anni di di una sala giochi, residente a Vedelago ma di origini marocchine, è finita a processo con l'accusa di appropriazione indebita. 

La Procura sostiene che la ragazza avrebbe razziato le slot machine di una sala di Castelfranco Veneto, dove lavorava. A scoprire gli ammanchi era stato un ispettore. Gli incassi, da tempo, risultavano inferiori rispetto a quelli registrati. Doveva esserci qualcosa che non andava. E i sospetti si sono concentrati su di lei. 

La giovane impiegata avrebbe incassato anche i tagliandi destinati alle macchine del valore di mille euro ciascuno. La ragazza, per cercare di non farsi scoprire, avrebbe razziato solamente due delle slot, quelle non protette da un sistema di videosorveglianza, proprio per non farsi notare, come riportano i quotidiani locali. 

Ma non si sarebbe accorta del provvedimento preso dal gestore della sala in seguito alla segnalazione dell'ispettore. La dipendente sarebbe stata registrata, per questo è finita davanti al giudice per appropriazione indebita. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

social

Domenica 11 aprile: accadde oggi, santo del giorno, oroscopo

Salute

A Monastier il nuovo hub vaccinale anti-Covid per le aziende venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento