menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nemmeno un'ora di riposo in tre giorni: camionista si schianta al passaggio a livello

Il bulgaro doveva raggiungere il prima possibile il coneglianese e per farlo non ha rispettato le normative di legge. Per lui 35 punti decurtati sulla patente e 1200 euro di multa

TREVISO Stanchezza dovuta a mancati riposi, lunghe ore di guida senza interruzioni regolari durante la giornata nonché superamento dell'orario massimo di conduzione previsto. Ecco le cause che hanno portato un ?autista cinquantenne bulgaro, nella tarda mattinata di venerdì, a perdere la lucidità alla guida di un autoarticolato che trasportava materiali plastici. L'uomo, infatti, accedendo nell'area urbana trevigiana vietata al transito dei mezzi pesanti non autorizzati, è andato a scontrarsi contro le barriere del passaggio a livello situato in Viale Orleans all'incrocio con Via Cacciatori dove, quotidianamente, migliaia di trevigiani attendono con pazienza il transito dei flussi ferroviari che effettuano tratte regionali importanti.

Immediatamente due pattuglie del Nucleo Operativo della Polizia Locale hanno attivato la procedura per ripristinare la circolazione stradale facendo rimuovere rapidamente il bilico incidentato e coadiuvando la Polizia Ferroviaria di Treviso nelle operazioni di reintegro delle barriere del passaggio a livello. Non ci sono state infatti, ripercussioni sul traffico cittadino né ferroviario. Il successivo controllo degli agenti sul veicolo e sul suo conducente, ha subito individuato le ragioni del sinistro: il bulgaro, assunto da appena una settimana da una ditta austriaca con un contratto a tempo determinato, aveva guidato per oltre dodici ore in un giorno al fine di raggiungere più celermente la sua destinazione, una ditta nel coneglianese. La normativa dedicata alla salvaguardia della sicurezza del trasporto pesante su strada prevede infatti che, dopo nove ore di guida, il conducente interrompa l'attività lavorativa per almeno undici ore: il tempo sufficiente perriposarsi dopo l'impegnativa attività di conduzione di un mezzo pesante.

Negli ultimi tre giorni pero, l'uomo non aveva completato nemmeno un riposo giornaliero regolare. Al conducente sono stati ritirati tutti i documenti di guida fino alle ore 21 di venerdì sera: l'uomo così ha dovuto recuperare tutti i periodi di riposo non effettuati nelle ultime giornate lavorative. Le varie violazioni commesse hanno comportato la decurtazione di 35 punti dalla patente dell'uomo nonché sanzioni per oltre 1.200 euro, che il conducente ha dovuto pagare subito nelle mani degli agenti intervenuti sul posto, come previsto dalla normativa sui veicoli stranieri. Gli operatori della Polizia Locale, impegnati da sempre nel controllo del traffico pesante sulle strade trevigiane, da qualche mese sono stati dotati del "Police Controller" un software di nuova generazione, dedicato all'analisi dei dati relativi ai tempi di guida e di riposo dei conducenti dei veicoli industriali, registrati dai cronotachigrafi installati sugli autocarri. Il nuovo sistema informatico è in grado inoltre, di rilevare le sempre più frequenti manomissioni dei cronotachigrafi, atte ad eludere la normativa europea dedicata alla sicurezza del trasporto pesante su strada.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento