menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esplosione lungo la ferrovia: operaio trevigiano in fin di vita

Spaventoso incidente sul lavoro nel pomeriggio di lunedì 24 settembre, a pochi metri dalla stazione di Belluno. Il trevigiano Bruno Da Silva Bueno ha riportato ustioni gravissime

TREVISO In un primo momento molti hanno pensato si trattasse di un attentato avvenuto a pochi metri dalla stazione dei treni. Erano le 15.40 di lunedì 24 settembre quando Belluno è stata scossa da una violentissima esplosione avvenuta lungo i binari della ferrovia.

Un boato, come scrive "Il Gazzettino di Treviso", sentito chiaramente in tutta la città che ha mandato in tilt i centralini dei vigili del fuoco e delle forze dell'ordine. Una volta arrivati sul posto i soccorritori hanno però scoperto l'amara verità. Le fiamme che si vedevano lungo i binari della ferrovia non erano state provocate da una bomba ma da un drammatico incidente sul lavoro che ha rischiato di uccidere ben tre operai. Uno di questi è il trevigiano Bruno Da Silva Bueno, di 31 anni, ricoverato d'urgenza insieme a Natalino Paschetto di Sesto al Reghena (Pordenone) e Valentino Martina, di Tarvisio negli ospedali di Padova, Milano e Verona per le gravissime ustioni riportate nell'esplosione. La circolazione dei treni è stata fermata per più di un'ora in modo da consentire i soccorsi e gli accertamenti sulle cause del gravissimo incidente. Stando alle ricostruzioni ufficiali dell'accaduto, i tre operai erano al lavoro su un macchinario con gru di proprietà di una ditta esterna a Rfi, utilizzato per la manutenzione dei binari. I tre operai avevano appena finito di svuotare il serbatoio del carburante di un pesante mezzo quando alcuni vapori del compustibile ancora presenti nell'aria, potrebbero aver generato l'esplosione nel momento in cui i tre lavoratori hanno acceso il cannello della fiamma ossidrica. Tutti e tre gli operai sono stati subito intubati ma hanno riportato ustioni sul 100 per cento del corpo. Sulla vicenda è stata aperta un'indagine e il prefetto di Belluno, Francesco Esposito, ha voluto visitare di persona l'area dell'incidente. Le condizioni dei tre operai restano al momento molto gravi mentre l'intera area dell'incidente è stata messa sotto sequestro. La situazione lungo la linea ferroviaria è tornata alla normalità solo nella tarda serata di lunedì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento