menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Treviso Manildo durante un intervento per l'1 maggio in piazza

Il sindaco di Treviso Manildo durante un intervento per l'1 maggio in piazza

Primo Maggio: Manildo in Piazza dei Signori con i lavoratori mentre in città va in scena il jazz con oltre 50mila persone in tre giorni

Manildo: "Il Rinascimento trevigiano, le mostre, i nuovi rapporti con le università, le opere e gli interventi in città stanno rimettendo in moto l'economia. Treviso apre e crea nuove opportunità di lavoro"

TREVISO Nella giornata della Festa dei lavoratori il sindaco di Treviso Giovanni Manildo ha preso parte ai molti eventi che si sono tenuti in città. In Piazza dei Signori si è tenuta la manifestazione organizzata dalle tre sigle confederali Cgil Cisl e Uil. Dal palco il sindaco ha parlato della situazione del lavoro in Veneto e delle nuove opportunità di crescita per la città rappresentate anche dalla rinascita culturale in corso: “Primo maggio. Domenica mattina abbiamo assistito alla bellezza di una festa che ci unisce tutti. Il lavoro è il primo motore, il costruttore dell'identità – ha dichiarato Manildo - La situazione non è semplice, ma dati in Veneto tra jobs act e incentivi fiscali hanno consentito di recuperare sulla situazione precrisi. Sono 57400 i nuovi posti fissi tra rapporti avviati e cessati. E se è vero che l'occupazione non si crea per decreto, il Veneto e dunque Treviso devono scommettere sul proprio territorio. Il Rinascimento trevigiano, le mostre, i nuovi rapporti con le università, le opere e gli interventi in città stanno rimettendo in moto l'economia. Gli effetti diretti e più visibili? Treviso apre e crea nuove opportunità di lavoro. In meno di un anno il saldo è di 80 nuovi negozi in città e contiamo almeno una decina di inaugurazioni in poco più di due mesi".

Il primo cittadino ha poi inaugurato la mostra "Lavorare con l'arte" organizzata dall'assessore alla formazione e alla città educativa Anna Caterina Cabino insieme all'associazione Proteo Fare Sapere, CGIL che si tiene fino al 10 maggio al Salone dei Trecento (foto a cura di Toni Buso, Paolo Guolo, Marco Gargano, Giancarlo Rado, Umberto Sartorello, Paola Viola) e portato i saluti dell’amministrazione all'hotel Maggior Consiglio che ha ospitato la quarta edizione del Festival Italo – Marocchino: “E’ stata un'importante occasione di scambio - ha sottolineato Manildo - è solo con il rispetto delle regole e delle differenze che tutte le comunità possono progredire”. Nel pomeriggio il sindaco ha incontrato in piazza dei Signori i Giovani Democratici e la Rete degli Studenti e preso parte ai concerti organizzati in occasione di "Street Food & Jazz", la manifestazione che in tre giorni ha portato in città oltre 50mila persone. Anche i cortei previsti in città si sono tenuti serenamente nel rispetto dell'ordine e della sicurezza auspicate dal primo cittadino: "Domenica mattina ho contattato il Questore per ringraziare lui e gli agenti di polizia di Stato, compresa ovviamente la nostra locale, per il servizio svolto. Tutti gli eventi si sono tenuti nel pieno della sicurezza e senza alcun tipo di difficoltà".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento