Penne nere in lutto: morto il 68enne Dal Piva, ex capogruppo degli alpini di Soligo

Noto carrozziere del paese, è deceduto nella mattinata di lunedì lasciando nello sconforto l'intera comunità solighese di cui era stato una figura portante per decenni

Carlo Dal Piva

E' lutto a Soligo per il decesso, avvenuto lunedì mattina, del 68enne Carlo Dal Piva, noto carrozziere del paese (con sede in via dei Bert) e storico ex capogruppo degli alpini di Soligo (di cui è stato membro per 40 anni), carica ceduta solo lo scorso gennaio ad Antonio Moschetta. Dal Piva lascia due figlie e gli amati nipoti, oltre a tantissime penne nere fin da subito il lutto per la sua morte, per una figura portante del volontariato locale.

Fin da subito la società sportiva Hills Nordic Walking di Farra di Soligo lo ha ricordato così: «E' venuto a mancare Carlo Dal Piva, ex capogruppo degli Alpini di Soligo, da sempre attivo nella comunità, alle mille esigenze del territorio e delle associazioni. Noi lo ricordiamo anche per la sua grande disponibilità nei confronti di Asd Hills, grazie Carlo! Un abbraccio alla famiglia». Un ricordo è poi arrivato dal Gruppo Alpini di Solighetto: «Il Gruppo Alpini di Solighetto si unisce al dolore della famiglia Dal Piva per la perdita di Carlo. Il Gruppo di Solighetto lo ricorderà sempre col suo sorriso e la sua allegria e la voglia di fare e spirito alpino purtroppo quando una persona ci lascia, quando non è più qui e non possiamo più toccarla, o sentire la sua voce, sembra scomparsa per sempre, ma il suo affetto sincero non morirà mai e il ricordo di Carlo vivrà per sempre nei nostri cuori, più forte di qualsiasi abbraccio, più importante di qualsiasi parola. Ciao Carlo».

Infine, anche la compagine ciclistica SC Solighetto ha voluto omaggiare Dal Piva con un toccante ricordo: «La SC Solighetto 1919 si unisce al dolore per la prematura scomparsa dell'amico alpino Carlo Dal Piva, che è andato avanti. Carlo, per tanti anni presidente del Gruppo Alpini di Soligo e punto di riferimento del volontariato locale, è sempre stato vicino alla SC Solighetto 1919, alla quale non ha mai mancato di dare il suo prezioso contributo in occasione di tutte le manifestazioni allestite dalla nostra società. Se l'Internazionale Juniores di Solighetto è diventata negli anni un'eccellenza dal punto di vista organizzativo, lo dobbiamo anche a Carlo, che con la sua generosità e la sua energia si è sempre messo a disposizione, insieme ai suoi alpini, nell'organizzazione della gara. Sempre cordiale e allegro con tutti, era ospite fisso alla nostra cena sociale di fine stagione, dove non mancava di farci sorridere con la sua simpatia e la sua ironia. Riposa in pace Carlo e grazie di tutto. Ai famigliari il più commosso abbraccio dal direttivo e da tutti gli atleti della SC Solighetto 1919».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

91431243_2256307934471987_8528186766308409344_n-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Laurea in Medicina a Treviso: Governo impugna la legge del Veneto

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • A 25 anni rileva un ristorante e apre una pizzeria per giovani e famiglie

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento