menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gas: via alla convenzione per l'affidamento ad un unico gestore per 29 Comuni

Il valore del servizio si aggira intorno ai 20 milioni l'anno per 12 anni. Manildo: "Ne beneficeranno i cittadini sia dal punto di vista economico che per la qualità del servizio"

TREVISO Sono 29 i sindaci che questa mattina hanno scritto presso la Sala Verde di Palazzo Rinaldi la convenzione per l'affidamento a un unico soggetto gestore del servizio di distribuzione del gas naturale e la relativa gestione del contratto: Treviso, Arcade, Breda di Piave, Carbonera, Casier, Fosalta di Piave, Giavera del Montello, Istrana, Maserada sul Piave, Meolo, Monastier, Montebelluna, Morgano, Nervesa della Battaglia, Paese, Ponzano Veneto, Povegliano, Preganziol, Quinto di Treviso, Roncade, S. Biagio di Callata, Silea, Spresiano, Trevignano, Vedelago, Villorba, Volpago del Montello, Zenson di Piave, Zero Branco. Il valore del servizio si aggira intorno ai 20 milioni l'anno per 12 anni per un totale di 240 milioni di euro. Per poter partecipare alla gara le ditte dovranno dimostrare di avere una notevole capacità professionale abbinata ad esperienza nella gestione di impianti simili a quelle oggetto di bando, oltre ad essere un distributore del gas e dare garanzie di capacità economica e finanziaria.

I vantaggi: dovendo strutturare la gara tenendo conto che l’aggiudicazione avverrà secondo i criteri della offerta economicamente più vantaggiosa (qualità del progetto di  sviluppo e manutenzione degli impianti tecnologici compresa la rete oltre alla riduzione dei canoni di concessione da mettere a gara, per l’intero ambito territoriale di 29 Comuni è ipotizzabile che di tutto ciò ne beneficeranno i cittadini sia dal punto di vista economico che per la qualità del servizio.

Il Comune inoltre potrà percepire  un reddito annuo, qualora sia proprietario (in tutto o in parte) della rete; è previsto dalla norma un corrispettivo una tantum a copertura delle spese di gara sia per la stazione appaltante che per i vari Comuni che verrà erogato dall’attuale gestore. Pertanto tutti i costi relativi alla procedura di gara saranno a carico del gestore.

Inoltre la messa a gara di un progetto di estensione delle reti, coerente con lo sviluppo urbanistico previsto dai vari Comuni, tenendo conto delle esigenze del territorio, potrà garantire anche un efficientamento energetico sugli impianti ed edifici comunali. La convenzione disciplina i rapporti intercorrenti tra la stazione appaltante Comune di Treviso e i 29 Comuni aderenti all’ambito. La procedura di gara per l’individuazione del gestore sarà garantita dalla stazione appaltante in condivisione dei Comuni che presenteranno le proposte di sviluppo del loro territorio. E‘ prevista una conferenza dei Sindaci che avrà il compito di approvare il bando da mettere a gara con il compito di monitorare tutte le fasi del procedimento e compresa la fase successiva dell’aggiudicazione. E’ previsto un organo tecnico che collabora con la conferenza dei Sindaci.

"Si tratta di una sigla importante, e per questo ringrazio tutti gli amministratori presenti,  nell'ottica di una gestione unificata dei servizi - ha dichiarato il sindaco di Treviso Giovanni Manildo - un lavoro importante svolto dal nostro settore appalti e dal dirigente Maurizio Tondato di cui trarranno beneficio i nostri cittadini: l'aggiudicazione, oltre che secondo il criterio della qualità, avverrà secondo l'offerta economica più vantaggiosa".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Notizie

Bollo auto 2021: il Veneto proroga la scadenza

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tragico schianto in moto, muore dopo due giorni di agonia

  • Attualità

    Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento