Scippatore seriale di anziane, undici colpi in un mese

Manolo Bettini, 46 anni, era finito in cella il 18 agosto scorso dopo l'ennesima violenta aggressione. L'indagine della squadra mobile di Treviso ha ricostruito tutte le sue scorribande

Manolo Bettini ripreso dalla telecamera di videosorveglianza

Tra i mesi di luglio e di agosto dello scorso anno era diventato il terrore delle anziane trevigiane con numerosi scippi, alcuni molto violenti, ai danni di donne, a piedi o in bicicletta, sole e indifese. Gli episodi di cui si era reso protagonista erano avvenuti tra il quartiere trevigiano di Santa Bona, Paese, Ponzano e Arcade. Manolo Bettini, trevigiano di 46 anni, era stato arrestato dagli agenti della squadra mobile di Treviso il 18 agosto 2019 e da allora non ha più lasciato il carcere di Santa Bona. Gli investigatori, coordinati dal dirigente Claudio Di Paola, sono riusciti ad accertare a Bettini la responsabilità in ben undici scippi. Questo grazie alla visione attenta delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, sia private che pubbliche, e alle testimonianze di alcune vittime. Nei confronti del 46enne, qualche giorno fa, il giudice Piera De Stefani, su richiesta del pm Gabriella Cama, ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare che gli è stata notificata in cella. Manolo Bettini utilizzava solitamente una bici per commettere gli scippi ma grazie ai "guadagni" di questa sua attività, era riuscito ad acquistare uno scooter. A chi gli chiedeva dove avesse trovato i soldi lui rispondeva che "una maga argentina tramite money transfer gli inviava i soldi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I colpi del scippatore seriale

Il primo scippo è avvenuto il 15 luglio a Treviso e ha avuto come vittima una 89enne che stava passeggiando con un deambulatore a Santa Bona: il malvivente non ha esitato a scaraventare a terra la malcapitata, provocandole una frattura. Il 22 luglio una 82enne venne derubata della pensione all'esterno dell'ufficio postale di Castagnole. Il 29 luglio doppio colpo a Paese, nel mirino due 72enni. Il 30 luglio scippata una 75enne a Ponzano, il 3 agosto una 77enne ad Arcade e il 5 agosto una 80enne a Paese. Il 6, 9 e 11 agosto ancora colpi a Treviso, in particolare in via San Pelajo, via Santa Bona Nuova e in via Pindaro. Ultimo blitz il 13 agosto, a Padernello di Paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento