Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il "vaccino" contro le infiltrazioni criminali, ecco "Rex -Regional explorer"

Un applicativo adottato dalla Camera di Commercio di Treviso e a disposizione delle forze dell'ordine. Il presidente Mario Pozza: «In alcuni comparti situazione critica, bisogna vigilare perchè non accada ciò che è accaduto ad Eraclea poco tempo fa»

 

Sottoscritto da Camera di Commercio di Treviso-Belluno e la Prefettura di Treviso il rinnovo della convenzione biennale per difendere l’economia dei territori e delle imprese. L'accordo riguarda in particolare l'introduzione dell'applicativo “REX – Regional Explorer” che permette un'analisi accurata dei "big data" e delle informazioni presenti nel Registro Imprese da parte delle forze dell’ordine, per lo svolgimento di analisi approfondite e indagini mirate su dinamiche economico-societarie.

«Il rinnovo è stato considerato urgente -ha spiegato il presidente, Mario Pozza- ed opportuno nell’attuale situazione, perché è elevato il rischio di usura, estorsione o altri reati anche perpetrati da organizzazioni di stampo mafioso o malavitoso, per le molte imprese che versano in condizioni di difficoltà finanziaria a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Con il rinnovo di questo accordo e con la rinnovata tecnologia, guardiamo alla ripartenza dell’economia, puntando al presidio della sicurezza innanzitutto,  creando una rete tra le istituzioni attorno alle imprese, accompagnandole, oltre che con i finanziamenti, la formazione, la digitalizzazione, l’internazionalizzazione, a fare i giusti passi per evitare pericolosi rischi d’impresa».

L’utilizzo dell’applicativo, è di particolare interesse per i soggetti preposti alla prevenzione ed alla repressione dei fenomeni criminosi in quanto consente un’immediata rappresentazione di relazioni tra soggetti e tra imprese, oltre che monitorare in modo automatico le variazioni che vengono iscritte sulle posizioni delle imprese di interesse, fornendo anche una georeferenziazione dei dati, con il vantaggio non trascurabile, di utilizzare un approccio molto più snello e semplificato rispetto ai tradizionali canali di consultazione del R.I. delle Forze dell’ordine.

La Camera di Commercio, grazie al supporto tecnologico di Infocamere Scpa, dispone ora anche del nuovo applicativo denominato “REX – Regional Explorer”, finalizzato ad un utilizzo evoluto delle informazioni del Registro Imprese da parte delle forze dell’ordine, che va a completare ed arricchire le opzioni di uso del pacchetto “Telemaco Avanzato”, per lo svolgimento di analisi approfondite e indagini mirate su dinamiche economico-societarie di carattere puntuale o su base territoriale.

L’esperienza maturata nell’ambito del protocollo in entrambe le province, si è rivelata notevolmente positiva non solo sotto il profilo della crescita di una reciproca collaborazione tra le istituzioni pubbliche che agiscono e tutelano il medesimo territorio, ma anche sotto il profilo dell’utilità dell’iniziativa stessa in ordine alla legalità (si pensi ad esempio che le istituzioni interessate dai protocolli in vigore hanno fruito di oltre 5.000 accessi e visure nel corso del 2019, con un notevole vantaggio dal punto di vista investigativo ed istruttorio).

I nuovi accordi ricalcano sostanzialmente i precedenti con le seguenti modifiche individuate:

a) durata: è prevista una durata biennale (2021 e 2022) con scadenza al 31.12.2022 rinnovabile per ulteriori due anni mediante conferma scritta;

b) possibilità di usufruire anche dell’applicativo “REX” in aggiunta al pacchetto “Telemaco Avanzato”;

c) istituzione di un tavolo di coordinamento delle attività collegate al monitoraggio dell’utilizzo degli strumenti messi a disposizione, con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente la collaborazione anche mediante l’attivazione di apposite iniziative che verranno sottoposte all’esame e all’approvazione degli Enti firmatari del presente Protocollo. Il tavolo di coordinamento sarà presieduto dal Prefetto di Treviso o da un suo delegato – il tavolo è composto dalle Amministrazioni che sottoscrivono il presente Protocollo, oltre che dai rappresentanti di Questura, Comando provinciale dei Carabinieri e Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Treviso, cui la Prefettura di Treviso provvederà ad assegnare i rispettivi accessi in uso.

I sopra citati Protocolli, prevedono che l’Ente camerale si faccia carico dei costi di erogazione del servizio di accesso ai dati del Registro Imprese tramite i servizi “REX” e “Telemaco Avanzato”, completo delle funzionalità Ri.Map, Ri.Build e Ri.Visual. Questo applicativo si arricchisce di questa nuova funzionalità e la collaborazione con la Camera di Commercio è particolarmente gradita – sottolinea il  Prefetto Maria Rosaria Laganà -  per l’ingente mole di dati che per la sua mission la Camera di Commercio raccoglie e che, con questo rinnovato accordo, mette a disposizione delle forze dell’ordine. Poter fare la comparazione celere dei big data è fondamentale per due motivi: perché tutela gli imprenditori, che si relazionano con altri soggetti economici e perché così  si va a prevenire il pericolo di infiltrazioni mafiose.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento