Covid nelle aziende: all'Aia oltre 200 contagiati, all'Electrolux 30 in isolamento

Il focolaio dello stabilmento di Vazzola registra altri 20 positivi che sono così complessivamente 209, a cui vanno aggiunti alcune decine di famigliari contagiati. A Susegana malore per un operaio che è risultato poi positivo al tampone

L'ingresso dello stabilimento di Susegana

Con i 20 nuovi positivi di ieri (tra i 333 controllati con i test rapidi inviati dallo "Spallanzani" di Roma), mercoledì, e gli 11 dell'altro ieri, sale a quota 209 il numero degli operai contagiati dal Covid-19 all'Aia di Vazzola che resta dunque il focolaio di contagio principale della Marca. A questi vanno aggiunti una cinquantina di familiari e conoscenti dei dipendenti dello stabilimento.

Intanto un nuovo caso positivo è stato accertato all'interno dello stabilimento Electrolux di Susegana. Salgono così a oltre 30 i sospesi in quarantena fiduciaria per rischio Covid, in attesa del doppio risultato dei tamponi, effettuati a distanza di 7 giorni. Rimarranno sospesi dal lavoro con specifica  copertura malattia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ieri un operaio "riparatore fuori linea" si è sentito poco bene -si legge in un comunicato emesso dal sindacato- con mal di gola e scomparsa dei sapori del cibo. Dopo aver informato il medico aziendale, è uscito, è andato a fare il tampone ed è risultato positivo. A complicare il caso è l'assenza di contatti conosciuti con potenziali positivi. Insomna niente rapporti diretti o indiretti con il cluster AIA e niente ferie che facciano suporre un contagio importato. Un bel rebus per un lavoratore casa-lavoro-spesa. Vista l'attivita e i contatti diffusi che l'operaio intrattiene per ragioni lavorative questa mattina l'azienda, in raccordo con i rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza (RLS FIM FIOM UILM ) ha sospeso in via precauzionale una prima  decina di operai, tra cui diverse figurevtecniche, "fuori linea", tutti inviati a fare i tamponi. Questi dipendenti si aggiungono alla ventina di casi già sospesi in via cautelativa. Tra cui anche un secondo delegato RSU».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento