DL Rilancio a Treviso, già pagati 48 milioni di euro a oltre 17 mila imprese

Mattia Panazzolo, direttore di CNA territoriale di Treviso: «Stavolta finalmente alle imprese le risorse sono arrivate in fretta e questo è un dato positivo»

Mattia Panazzolo

In pochi giorni l’Agenzia delle Entrate ha erogato contributi a fondo perduto per le imprese trevigiane pari a 48 milioni di euro a fronte di 17.399 domande presentate. Una cifra significativa, elargita dal Decreto Rilancio per sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza Covid-19, a due condizioni: che il fatturato dell’ultimo periodo di imposta (2019) fosse inferiore ai 5 milioni di euro e che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia stato inferiore ai 2/3 dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

«Stavolta finalmente alle imprese le risorse sono arrivate in fretta e questo è un dato positivo che mette in luce un fatto: se si vuole essere efficaci e aiutare veramente chi ha bisogno, a fronte di eventi straordinari, come lo è stata la pandemia Covid-19, bisogna rispondere con strumenti straordinari, non con quelli ordinari» commenta Mattia Panazzolo, direttore di CNA territoriale di Treviso, che sta ricevendo riscontri positivi da parte di molte ditte associate.

La CNA promuove dunque la metodologia scelta per erogare le risorse e, al contempo, rileva una criticità che per questa tranche di contributi ha penalizzato alcune categorie di ditte manifatturiere. La criticità sta nel fatto che il parametro individuato per rilevare il crollo del fatturato è stato il mese di aprile 2020. Complessivamente, a causa di questa condizionalità, solo circa il 50% delle imprese ha ricevuto il contributo, che non rispecchia la totalità delle imprese danneggiate dal Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La misura sembra sia stata pensata solo per chi vende al dettaglio – spiega Panazzolo - Le ditte manifatture che producono beni durevoli, ad aprile 2020 possono aver fatturato i lavori di gennaio o febbraio o anche dei mesi precedenti, perché le fatturazioni di questo genere di prodotti sono a 60, 90 giorni. Per evitare di penalizzare una fascia di imprese era necessario che il paramento relativo al crollo del fatturato non si fosse limitato a un mese ma ad un arco temporale più ampio. Bisogna che le prossime misure di questo tipo prevedano un parametro di calcolo del crollo del fatturato almeno su base trimestrale». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

  • Covid nelle scuole della Marca: 8 classi in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento