Garanzia Giovani, Donazzan: «A causa del Covid è forte il calo di adesioni»

L'assessore regionale all'istruzione: «Pesano una chiusura prolungata e l’incertezza economica legata all’attuale situazione economica»

Sono oltre 157 mila le iscrizioni a Garanzia Giovani Veneto, l’iniziativa contro la disoccupazione giovanile riservata ai giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano. Le adesioni effettive sono circa 105 mila, al netto di quelle annullate prevalentemente a causa della mancata presentazione agli sportelli Youth Corner per la conferma dell’iscrizione entro i 60 giorni previsti dal Programma. Oltre 103 mila i patti di servizio stipulati, condizione necessaria per poter usufruire delle opportunità offerte nell’ambito dell’iniziativa. 

I giovani che hanno avuto un’occasione di lavoro, dopo l’adesione, sono complessivamente 95 mila pari al 70% degli iscritti. Molti di loro, circa 72 mila, risultano tuttora occupati, nel 70% dei casi con un contratto di lavoro stabile. A questi si aggiungono i 25 mila ancora all’interno del Programma e quanti potrebbero aver avviato un’attività di lavoro autonomo, svolto esperienze di tirocinio, trovato lavoro all’estero o ripreso gli studi. Turismo, commercio e industria metalmeccanica sono i settori nei quali si concentra il maggior numero di giovani occupati, mentre la distribuzione provinciale riflette quella di residenza dei giovani iscritti, con Vicenza che concentra il 18% del totale degli occupati, seguita da Treviso (17%), Padova (16%), Verona (12%), Venezia (11%), Rovigo (4%) e Belluno (3%). Un giovane su cinque ha invece trovato lavoro fuori regione, principalmente in Lombardia, Emilia-Romagna e Lazio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Negli ultimi mesi gli effetti dell’emergenza Covid-19 e delle limitazioni imposte per il contenimento del contagio si sono fatti particolarmente sentire: nonostante l’adesione al Programma sia sempre rimasta disponibile online, ad aprile il numero delle adesioni è stato il più basso di sempre (poco più di 500), per poi risalire gradualmente a 950 adesioni a maggio e 1.300 a giugno, su livelli comunque ampiamente inferiori alle medie abituali - spiega l’Assessore regionale al Lavoro e alla Formazione, ELena Donazzan - Pesano indubbiamente una chiusura prolungata di moltissime attività e l’incertezza legata all’attuale situazione economica». «Con il mio Assessorato stiamo analizzando, fin dall’inizio di questa emergenza, l’evoluzione della domanda e dell’offerta di lavoro - conclude l’Assessore - un’attività di monitoraggio che continuerà anche nei prossimi mesi, in vista di un autunno che si preannuncia particolarmente difficile, con più disoccupazione e meno sostegni al reddito». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • La fortuna bacia un trevigiano: vinti 300 mila euro al "Miliardario"

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Questo è il periodo della zucca: 4 ricette tipiche buonissime

  • Zaia, nuova ordinanza per le scuole superiori: «Didattica digitale al 75%»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento