menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da Vittorio Veneto a Londra: Permasteelisa protagonista del nuovo smart district

L'azienda ha firmato un contratto da 70 milioni di euro per la progettazione, produzione ed installazione della facciata del nuovo “Battersea Phase 3A” firmato dall’archistar Frank Gehry

VITTORIO VENETO Ancora una volta Permasteelisa porta a Londra il Made in Italy, con la realizzazione del progetto “Battersea Phase 3A”, i cui edifici contribuiscono a realizzare l’ambiziosa riconversione della centrale elettrica Battersea Power Station. La commessa, del valore complessivo di oltre 70 milioni di euro, prevede la progettazione, produzione ed installazione di oltre 27.000 mq di facciata estremamente complessa che darà forma all’idea architettonica disegnata dallo studio Gehry Partners.

Ispirata allo stile Regency tipicamente londinese, la facciata è stata progettata per massimizzare la luminosità degli edifici, grazie alla particolare forma movimentata generata dai volumi sporgenti e rientranti dei giardini di inverno e delle terrazze. Inoltre, la scelta di utilizzare per la facciata principale pannelli di lamiera bianca in alluminio permette di irrorare gli spazi comuni compresi tra gli edifici con una luce calda e avvolgente, grazie ai raggi solari che si riflettono sulla facciata. Infine, la sua forma ondulata si rifà al tema delle vele, che Frank Gehry ha utilizzato come ispirazione anche in altre sue opere; tra queste, la Walt Disney Concert Hall, anch’essa realizzata dal Gruppo Permasteelisa, è forse la più famosa.

“Siamo orgogliosi di continuare la nostra lunga collaborazione con Frank Gehry – ha commentato l’Amministratore Delegato del Gruppo Permasteelisa, Riccardo Mollo – dimostrando ancora una volta la nostra capacità di trasformare in realtà le idee degli architetti più visionari applicando tecnologie innovative che permettono tra l’altro di raggiungere i più elevati parametri di sostenibilità ambientale”. Permasteelisa ha messo in campo il suo know-how ed expertise per soddisfare appieno tutte le specifiche architettoniche e di performance che caratterizzano questo progetto, confermando nuovamente la comprovata esperienza dell’azienda nel trasformare in realtà anche le architetture più complesse attraverso l’ingegnerizzazione delle forme.

Battersea Phase 3A ha rappresentato una grande sfida per i designer e gli ingegneri di Permasteelisa, in particolare:

1. Il progetto aspira ad ottenere la certificazione ambientale BREEAM Excellent: per questo i pannelli visivi delle cellule sono stati equipaggiati con vetri extra-chiari con coating basso emissivi ad alte prestazioni termiche e solari, in modo da garantire il risparmio energetico, pur massimizzando l’apporto luminoso esterno.

2. Il design innovativo ha richiesto l’ingegnerizzazione e produzione di ben 2.900 cellule, con profilo in alluminio e dotate di tamponatura con doppiovetro oppure opaca, tutte diverse tra loro e dotate anche di apribili, sia ad ante che scorrevoli.

3. La forma ondulata della facciata ha richiesto circa 3.000 tamponature chiuse di alluminio dalla forma unica e non ripetitiva realizzate su misura. Sono queste infatti che permettono di creare la forma ondulata e sinuosa voluta dal progettista.

La progettazione e la produzione della facciata si articoleranno su un periodo di circa 18 mesi, coinvolgendo un numero medio di 70 professionisti dell’ufficio tecnico in Italia, per un totale di circa 600 disegni e numerosi studi 3D. La posa della prima cellula è prevista per il secondo trimestre 2019, e l’installazione durerà circa un anno e mezzo. La logistica giocherà un ruolo fondamentale: il cantiere è infatti caratterizzato da forti limiti di accesso oltre ad essere molto “affollato” per via del numero di edifici in costruzione contemporaneamente. Situata sulla riva sud del Tamigi, Battersea Power Station è stata progettata sulla base di rigorosi principi di sostenibilità ambientale, economica e sociale, con l'obiettivo di offrire soluzioni residenziali ad elevato standard qualitativo nel centro del distretto di Nine Elms. Con circa 4.000 residenze, oltre 250 negozi, uffici e strutture per il tempo libero, bar, alberghi e ristoranti, l'area sarà una città-all'interno-della-città con sette ettari di spazio pubblico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento