Coronavirus: «Da Europa pretendiamo sostegno immediato a imprese e famiglie italiane»

Così l’eurodeputato trevigiano della Lega Gianantonio Da Re intervenuto ieri in Plenaria in Parlamento Europeo a Bruxelles

Gianantonio Da Re

«Pretendiamo dalla Commissione Europea l’adozione di misure economiche immediate a sostegno delle nostre imprese e famiglie. Ingenti sono i danni causati dall'emergenza Coronavirus all'economia italiana ed europea. Sono a rischio oltre 30mila imprese, oltre 7 miliardi di euro di perdita nel comparto turistico con un inevitabile impatto negativo a livello occupazionale. Le Regioni del Nord Italia, in particolare, Veneto e Lombardia, si sono attivate immediatamente adottando misure essenziali di prevenzione per evitare la diffusione del virus ovviamente con notevoli ed inevitabili ripercussioni economiche. Mentre l’Unione Europea è stata vergognosamente assente: nessuna misura adottata e nessun gesto di solidarietà nei confronti del nostro Paese. Non possiamo che constatare i fatti ed evidenziare il volto ipocrita dell’Unione Europea presente e severa quando c’è da chiedere e assente nel momento in cui bisogna dare. Ma non siamo più disposti a tollerare questa assenza e pretendiamo senza se e senza ma che l’Unione Europea faccia la sua parte». Così l’eurodeputato trevigiano della Lega Gianantonio Da Re intervenuto ieri in Plenaria in Parlamento Europeo a Bruxelles.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

  • Incidente mortale in Treviso Mare: motociclista muore a 61 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento