Disastro Movimento 5 S alle Regionali, Borrelli: «Risultato del tutto prevedibile»

L'ex eurodeputato pentastellato: «Quanto successo è figlio della mala gestione del partito negli ultimi anni. D'altronde, chi c'è ora parla una lingua diversa da quella dei veneti»

David Borrelli

Un vero e proprio disastro. Si può definire così il risultato del Movimento 5 Stelle alle Regionali 2020 in Veneto. Il partito guidato da gennaio da Vito Crimi (dopo le dimissioni del leader Di Maio), infatti, non ha raggiunto il quorum necessario per entrare in Consiglio regionale a Venezia. Niente da fare, quindi, per il candidato Enrico Cappelletti che sperava di raggiungere almeno un seggio a Palazzo Ferro Fini.

«E' un risultato che era assolutamente prevedibile - racconta ai nostri microfoni David Borrelli, ex eurodeputato pentastellato - Non sono quindi affatto sorpreso che il M5S non sia riuscito ad eleggere nemmeno un consigliere regionale. Quanto successo in questa tornata elettorale, infatti, è frutto di una mala gestione del partito negli ultimi anni. Un movimento caratterizzato, in Veneto, da persone e progetti sbagliati. D'altronde, il partito parla ormai una lingua diversa da quella dei veneti e questo è evidente a tutti gli elettori».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In seno ai pentastellati veneti - continua il politico trevigiano, ex tra le altre di +Europa - c'è poca coerenza d'intenti e nel tempo si è spesso venuti meno a determinate posizioni scelte. I leader hanno poi scelto per questa campagna elettorale tutta una serie di tematiche poco attinenti al territorio, o comunque non sentite dall'elettorato. Inoltre, a livello politico la sensazione è sempre stata quella di un partito non particolarmente amato in Veneto. Per carità, era comunque un'elezione complicata questa delle Regionali, con spazi di manovra molto limitati, ma da loro e dagli indipendentisti mi aspettavo sinceramente molto di più. Così facendo, e con le scelte politiche intraprese, sarà difficile riorganizzarsi e andare avanti nel prossimo futuro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento