Interrogazione sul Cementificio di Pederobba, l’on. Baratto: “Territorio diffamato”

E' polemica per un’interrogazione delle deputate Benedetti e Cunial, dai toni durissimi, nelle quali accusano Amministrazione Comunale, Ulss e Arpav di connivenza ed omertà

E' polemica per un’interrogazione a firma delle deputate Benedetti e Cunial dai toni durissimi, nella quale Amministrazione Comunale, Ulss e Arpav di connivenza ed omertà. L’ennesimo capitolo che riguarda il Cementificio di Pederobba e lo studio epidemiologico in corso a Pederobba. Toni, quelli delle deputate ex 5 stelle che hanno provocato l’immediata reazione dell’Amministrazione Comunale.

“E’ la seconda volta che Benedetti e Cunial si occupano di Pederobba, usando toni ed espressioni diffamatorie nei confronti del territorio e delle autorità. Trovo sconcertante si parli di connivenza e omertà riferendosi alle istituzioni che in questi anni hanno sempre agito con trasparenza e competenza”. Attacca il sindaco Marco Turato: “Se hanno qualche dubbio in proposito le invito ad adire le competenti autorità. Non tollereremo accuse indiscriminate e non circostanziate”. Poi la stoccata alle deputate: “Spiace per questa interrogazione, d’altra parte a Pederobba Cunial e Benedetti non le abbiamo mai viste, le avrei ricevute come ho sempre fatto con tutti cittadini ed istituzioni, spiegando quello che l’Amministrazione ha fatto nel corso di oltre dieci anni per il monitoraggio ambientale".

Turato ricorda che è stata l’Amministrazione Comunale a chiedere un approfondimento, proprio attraverso l’Ulss, avviando uno Studio Epidemiologico che vede la supervisione di un esperto come il prof. Donato dell’Università degli Studi di Brescia e il coinvolgimento delle massime autorità sanitarie regionali. “Prima di Natale” annuncia il sindaco “saranno disponibili i risultati che attendiamo tutti". “Le politiche ambientali adottate negli anni da Pederobba” spiega l’Assessore all’ambiente Fabio Maggio “pongono il nostro Comune all’avanguardia in tutta la Regione. La nostra attenzione è altissima. Dialoghiamo con ogni realtà produttiva”. “Nel nostro Comune” spiega Maggio “esistono diversi esempi virtuosi di investimenti che coniugano rispetto per l’ambiente e sviluppo industriale. Queste bugie mettono a rischio lo sviluppo futuro del territorio “Pederobba presto“ spiega “insieme ad altri 25 comuni con il suo territorio, avvierà il processo per ottenere l’importante riconoscimento MAB UNESCO a cui lavoriamo da tempo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma l’eco della polemica non sembra possa terminare a breve tanto che l’on. Raffaele Baratto, ex sindaco di Pederobba e oggi a Montecitorio chiederà un incontro urgente al Ministro Costa “Invito le colleghe deputate a studiare le carte. E’ imbarazzante che parlamentari della repubblica gettino fango sul lavoro delle istituzioni senza avere la minima contezza di ciò di cui si sta parlando”. Attacca Baratto: “Vengano sul territorio, si informino, parlino con operatori, lavoratori, aziende, amministrazioni. Cunial e Benedetti hanno perso l’ennesima occasione per dimostrare un po’ di rispetto per il territorio che le ha elette. Continuano a fare polemiche invece che lavorare in parlamento e proporre misure concrete ed oggi conducono sulle spalle dei cittadini di Pederobba un ignobile teatrino delle falsità che non è più tollerabile e che mette a serio rischio anche centinaia di posti di lavoro. Chiederò oggi stesso un incontro urgente al ministro Costa. Intendo presentare tutte le iniziative intraprese da Pederobba nel corso degli anni. Il nostro Comune rappresenta un esempio virtuoso a livello nazionale e regionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

  • Scivola e batte la testa dopo un volo di 13 metri: muore a 21 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento