Fine del mandato: il sindaco scrive una lettera di ringraziamento ai concittadini

In occasione della fine del suo mandato, Angela Colmellere ha scritto una lettera di saluto e ringraziamento ai suoi concittadini, pubblicandola sia in paese che su Facebook

In foto: Angela Colmellere (immagine tratta da Facebook)

Ancora pochi giorni e il Comune di Miane sarà chiamato a scegliere il suo nuovo sindaco. Nelle scorse ore però, in piena campagna elettorale, il primo cittadino uscente, Angela Colemllere (candidata anche quest'anno con la Lega), ha voluto scrivere e pubblicare una sentita lettera di saluto e ringraziamento ai suoi concittadini. "Sentire con la mente, pensare con il cuore" il titolo del messaggio che vi riportiamo integralmente qui di seguito: 

Mi tremano le mani nello scrivere questo pensiero che mi appartiene, che mi rappresenta e che sento di voler condividere oggi, dopo una giornata così importante che ha segnato la fine di un mio percorso, non solo amministrativo. Tra le mura della nostra casa comunale sono cresciuta, passando 15 anni della mia vita, accompagnata da tanti momenti belli e forti, da errori fatti, da giornate di crisi, ma tutto sempre con l’entusiasmo, la passione e l’amore per il mio territorio che hanno reso questa esperienza sorprendentemente magica. 

60294551_2742109239139404_3413532289081016320_n-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel bagaglio più prezioso che porterò con me ci sono le Persone. Il mio grazie più autentico è per loro: per la mia famiglia e gli amici più cari sempre presenti, per chi insieme a me ha amministrato, per chi sostenendomi con il voto mi ha permesso di essere lì. Grazie alla comunità tutta e alle associazioni che mi hanno accolto con il cuore facendomi sentire parte di loro. Un grazie è anche per chi mi ha messo in discussione perché dalla critica costruttiva ho sentito di poter crescere e migliorarmi per poter fare il bene della nostra comunità. Unire e mai dividere: questi i miei motti, perché ho sempre creduto che una comunità debba unirsi ed essere coesa se vuole crescere. Il Vero, il Buono e il Giusto sono i fari che hanno guidato il mio lavoro e il mio impegno. Nel momento di passaggio del testimone al prossimo sindaco, questi - insieme alla volontà di mettere al centro l’essenzialità della persona e delle cose - sono i valori che vorrei restassero e per i quali io sarò sempre a disposizione della mia comunità! Ora, con la commozione che mi fa tremare la penna, guardo la fascia che in questi anni ho vestito e che con orgoglio mi ha portato a rappresentarvi. Non nego che a fianco alla nostalgia di qualcosa che si conclude, sento la serenità e la soddisfazione per ciò che insieme abbiamo costruito in questi anni. Grazie ancora ad ognuno di voi... Buon cammino, io per il mio paese ci sono e ci sarò! Tante cose ho fatto ma ...era semplicemente mio dovere farle! Un abbraccio grande a voi tutti!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Maltempo, albero cade e travolge un'auto: vigilante ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Gli immigrati della Serena devono tornare a casa loro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento