Il murales della "Madonna con bomba atomica" a Conegliano finisce sotto accusa

Il sindaco Zambon: "Una bufala il murales censurato dall'amministrazione comunale, ma le critiche dei cittadini erano autentiche. La città comunque lascia le porte aperte ai writers "

Il murale di Webster "incriminato"

CONEGLIANO Negli ultimi giorni, a Conegliano, si è scatenata una diatriba tra forze politiche e cittadinanza in merito alla 'copertura' del l'ormai noto murales "Madonna con bomba atomica in braccio" presente in zona Cinema Melies e opera dell'artista e writer locale "Webster". In merito alla polemica però, presupponendo che a coprire in parte il dipinto sia stato il suo autore, il sindaco Floriano Zambon si è sentito in obbligo di precisare alcune cose: "Sono stato in passato promotore degli spazi cittadini per i writers già dalla fine degli anni novanta, con i concorsi fatti in collaborazione con l'Electrolux. Conegliano è infatti una delle poche città che riserva spazi e apprezza il loro lavoro. Dubitare sul mio sostegno a questa forma d'arte è un'offesa all'intelligenza mia e dei cittadini che leggono certe dichiarazioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci si interroga comunque da dove nasca l'esigenza da parte dell'autore di coprire adesso il disegno realizzato mesi or sono e creare clamore attorno all'attività di writer che porta avanti indisturbato da anni sul muro messo a disposizione delle Ferrovie vicino al cinema Melies - continua il primo cittadino - Quando diversi mesi fa dei residenti si sono fatti avanti per segnalare che una delle opere da lui realizzate, in particolare la ';adonna con la bomba atomica tra le mani,' come lesiva delle loro sensibilità, ci siamo fatti interpreti di quella che è una altrettanto legittima espressione di libertà di pensiero e l'abbiamo fatta pervenire all'autore. Non cè stato quindi nessun provvedimento amministrativo di censura e tantomeno un'ordinanza. Lascia riflettere invece il tempismo di questa uscita provocatoria che alla prova dei fatti è una vera e propria autocensura".

"Rimango a disposizione dell'artista qualora volesse chiarire le sue dichiarazioni - conclude il sindaco Floriano Zambon - E' senza dubbio compito e responsabilità anche sua, in primis per l'opportunità che ha avuto di esprimersi liberamente in uno spazio di grande visibilità pubblica, di non creare equivoci su una città che per tradizione è da sempre aperta alla creatività ed all'innovazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Lutto per lo scoutismo trevigiano: malore improvviso stronca Mario Favaretto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento