Valdobbiadene, prendono il via i lavori sulle condotte idriche comunali

Il cantiere, della durata di un anno, consentirà di aumentare la disponibilità di acqua potabile nell’intero territorio anche nel comune di Vidor

Sono iniziati lo scorso 15 luglio e finiranno fra un anno i lavori di ristrutturazione delle condotte idropotabili nel Comune di Valdobbiadene, in particolare nelle frazioni di Bigolino e San Pietro di Barbozza. Gli interventi, messi in campo da Alto Trevigiano Servizi, che ha la gestione diretta del servizio idrico integrato dell’intero territorio comunale, consentiranno di aumentare la disponibilità di acqua potabile per il comune di Valdobbiadene, diminuire le perdite esistenti e migliorare la disponibilità di acqua a favore anche del comune di Vidor in caso di carenza d’acqua della sorgente “Teva”. L’intervento comporterà, inoltre, una diminuzione della spesa di energia elettrica dovuta al pompaggio dell’acqua dai pozzi “Settolo”. Il costo finale dell’opera sarà di 1 milione e 700 mila euro di cui più di 1 milione e 300 mila euro per lavori a base d’appalto e quasi 400 mila euro di somme a disposizione dell’amministrazione. 

L’opera servirà a correggere alcune problematiche esistenti nella rete, ossia lo stato di degrado delle condotte soggette negli ultimi anni a frequenti riparazioni, con fuoriuscite di acqua – anche molto rilevanti – e la presenza di più condotte contemporaneamente nella stessa via. Nello specifico, le arterie interessate dal cantiere sono le seguenti: via Erizzo, via Ponte Vecchio, via Case Castella, via San Giovanni, via Cal di Val, via Casolani, Strada Rosa, via Maresia, via San Rocco e Cortivon, via Marche, via XXV Aprile, via Crede via Salt dei Canevai e via San Pietro. 

I lavori consistono nella sostituzione di alcune linee di distribuzione realizzate in ghisa grigia, acciaio e polietilene con nuove tubazioni in ghisa sferoidale e la loro connessione con la rete esistente. Si procederà anche alla messa a norma di tutti i pozzetti di alloggio dei contatori d’utenza, con il loro spostamento al limite della proprietà privata, così come stabilito dal regolamento per la fornitura di acqua potabile di Ats. Oltre alla rete idropotabile si interverrà anche sulla fognatura: i lavori, eseguiti contestualmente alla attività di ristrutturazione della rete di acquedotto, riguarderanno la realizzazione e il completamento della rete pubblica e dei relativi allacciamenti all’utenza. In particolare, si completerà a adeguerà la rete fognaria in parte già esistente e gli allacciamenti su via San Giovanni per un tratto di circa 100 metri; si sostituiranno 17 chiusini in ghisa su via Erizzo; si procederà con eventuali allacciamenti mancanti o da ricostruire lungo le vie interessate dai lavori. 

“Si tratta di un intervento importante per il comune di Valdobbiadene sia per la mole delle risorse messe in campo sia per gli obiettivi di miglioramento della qualità del servizio idrico che ci prefiggiamo – commenta il Presidente di Ats, Fabio Vettori – L’impresa, per terminare prima i lavori, opererà anche il sabato e probabilmente la domenica mattina. Si cercherà quindi di ridurre al minimo i disagi per i cittadini, ma vista la vastità del lavoro, chiediamo anticipatamente la comprensione e la pazienza a tutti gli utenti residenti nelle zone di svolgimento dei lavori”. “Questo importante intervento di Ats si inserisce all’interno di una serie di opere realizzate e in fase di progettazione – afferma il sindaco di Valdobbiadene, Luciano Fregonese – finalizzate al miglioramento del servizio idrico integrato, all’efficientamento energetico e soprattutto al miglioramento della qualità dell’ambiente attraverso la realizzazione di reti fognarie collettate a depurazione”. 

Scopri di più

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Acque pulite per Ats: i dati dei campioni parlano di assenza di inquinanti

  • Tubazioni dell'acquedotto da sostituire, 70 giorni di lavori in via Montello

  • Giavera del Montello, lavori in corso sulla condotta idrica di via Fermi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento