menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Cinema Verdi riaperto per le premiazioni del concorso

Il Cinema Verdi riaperto per le premiazioni del concorso

30_____70 Doc Fest: il Cinema Verdi riapre per le premiazioni del concorso

Sorprendente successo di pubblico per la prima edizione del neonato festival internazionale di documentari di registi under 35, alla loro première italiana

Si è svolta domenica 27 dicembre alle 18 in diretta sui canali di 30_____70 Doc Fest e di Lago Film Fest la cerimonia di premiazione della prima edizione del festival di documentari nato a Vittorio Veneto. La prima cerimonia (domenica 3 gennaio verrà invece assegnato il Premio Del Pubblico, mentre il festival si concluderà il 6 gennaio) si è tenuta alla presenza dei direttori del festival Viviana Carlet, Carlo Migotto (già direttori del Lago Film Fest) e Alessandro Del Re, di Antonella Uliana - assessore alla cultura del Comune di Vittorio Veneto, dei giurati e di tutti i registi dei film in concorso. Premiazione che consacra definitivamente il neonato festival internazionale di documentari che, pur essendo alla prima edizione, sta riscuotendo un successo incredibile se commisurato al periodo storico che stiamo vivendo e alla crescente offerta di intrattenimento online.

Commenta Viviana Carlet: “Siamo felici di essere riusciti in questa scommessa che è per noi un atto di resistenza culturale; più di 300 donatori dopo 4 giorni di festival e 540 studenti delle scuole superiori di tutta Italia! Contavamo in una risposta del pubblico ma non ci aspettavamo una risposta così immediata”. Parte delle donazioni raccolte, oltre a supportare i registi indipendenti, verranno utilizzate per acquistare dei biglietti per andare al cinema Verdi di Vittorio Veneto e al cinema Italia di Belluno (quando le sale riapriranno), aggiunge Carlo Migotto: “I festival di cinema contribuiscono attivamente alla promozione del “cinema” inteso come atto di condivisione culturale collettiva e questo è il nostro modo per ribadirlo. Anche se solo simbolicamente, è stato importante per noi allestire la vetrina del cinema Verdi e riaccendere le luci per un giorno: Il 30_____70 DOC FEST è nato online ma nel 2021 arriverà a Vittorio Veneto, in sala”.

Antonella Uliana, assessore alla cultura della città di Vittorio Veneto, che ha portato i saluti istituzionali e ha condiviso delle riflessioni importanti: “Ricordo quando mi è stato presentato il progetto, un anno fa, per creare un nuovo festival di documentari in città, e la volontà di trovare un modo per realizzarlo e dichiarare la “resistenza culturale” di queste idee è stata vincente. (...) Amo viaggiare, e attraverso il viaggio conoscere problematiche a noi lontane, ora lo possiamo fare stando a casa e guardando questi documentari che arrivano da tutto il mondo. (...) Ottimo anche il lavoro fatto con le scuole superiori e straordinaria la partecipazione degli studenti che partecipano anche con domande nella lingua dei registi”.

La giuria è composta da Francesca Mazzoleni, documentarista italiana dell’anno premiata a Vision du Réel con il primo premio per il suo Punta Sacra, Giulio Casadei, direttore artistico di Brive International Film Festival e MedFilm Festival, e Matja? Ivanišin, regista di punta del panorama cinematografico sloveno. La menzione speciale della Giuria è stata assegnata a The Bird Island: “In perfetto equilibrio tra documentario e finzione, rigore bressoniano e poesia del quotidiano, tenerezza e violenza, The Bird Island è un film sulla salvezza come processo di scoperta del mondo, sull’etica del lavoro, sull’ordine naturale e crudele delle cose, dove vita e morte sono indissolubilmente legate. Un film terapeutico che riconcilia con l’esistenza.“

The Bird Island di Maya Kosa e Sergio da Costa, presentato nel Concorso Cineasti del Presente a Locarno nel 2019, è un racconto di formazione ambientato all’interno di un rifugio per uccelli nei sobborghi di Ginevra. Uno dei film più rappresentativi dell’anno appena passato, proiettato in tutto il mondo. Premio della Giuria a Transit Circle: "Un viaggio intimo attraverso paesaggi notturni e in cambiamento. Un coming of age non convenzionale che racconta con sapienza formale e minimalismo poetico un sentimento della vita, l’incertezza verso il futuro, il desiderio, l’appartenenza". Transit Circle, presentato a Vision du Réel nel 2019, è un doppio coming of age che dipinge sullo sfondo la trasformazione quotidiana della megalopoli di Hanqzhou. Un film che ha affascinato la giuria e il pubblico attraverso le sue immagini stratificate.

I film vincitori potranno beneficiare, oltre al merito, di un premio che consisterà in un percorso distributivo indipendente dei film nelle sale di 10 città italiane a cura del 30_____70 DOC FEST (nel corso del 2021). Prossima tappa del festival, le cui proiezioni online si concluderanno il 6 gennaio, sarà la cerimonia di consegna del Premio Del Pubblico. Tutti gli spettatori che supportano il festival e i registi con le loro donazioni, avranno la possibilità di votare il loro film preferito. Per chi ancora non l’avesse fatto, sarà possibile quindi ottenere, con la modalità pay what you can (paga quello che puoi) un biglietto unico valido per i 13 film del festival - entro il 6 gennaio 2021. L’invito è quindi quello di godersi i documentari in concorso e votare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento