rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024

Addio a mascherine e Green Pass, Conte: «Da oggi affrontiamo il futuro con più serenità»

Il sindaco: «Questo primo giorno di allentamento sulle restrizioni a causa del Covid non ci deve però far dimenticare le buone maniere d'igiene. Inoltre, teniamo comunque sempre una mascherina a portata di mano»

Addio alle restrizioni. O quasi. Oggi, venerdì 1 aprile, è il primo giorno dopo la fine dello stato d'emergenza per l'epidemia di covid 19 in tutta Italia. A Milano, e nel resto del Paese, cadono numerose restrizioni, collegate soprattutto all'utilizzo del super green pass - la certificazione che si ottiene con la vaccinazione o con la guarigione da non più di sei mesi - e del green pass base, che si "guadagna" anche con un tampone.  Da oggi non sarà necessario più il green pass - né base, né rafforzato - per entrare nei negozi, nei centri commerciali, in banca, in posta e negli uffici pubblici. Basterà il certificato base, invece, per accedere in bar e ristoranti al chiuso, in stadi all'aperto, in teatri e arene sempre all'aperto, dove finora era necessario il super green pass. 

Cambio in vista anche per i mezzi pubblici. Dal 1 aprile, per effetto del decreto riaperture del governo Draghi, per salire a bordo dei mezzi del trasporto pubblico locale non servirà più il green pass. Mentre oggi è necessario esibire il super green pass, da venerdì non sarà necessario più nessun documento. L'unico obbligo che resta per viaggiare su metro, bus, tram Atm e treni Trenord a Milano è quello di indossare la mascherina Ffp2, fino al 31 aprile. Discorso diverso invece per treni nazionali a lunga percorrenza e gli aerei, per cui al momento è previsto il possesso del super green pass. Da oggi per viaggiare in tutta Italia basterà il green pass base e la mascherina chirurgica. 

Fino al 30 aprile il super green pass sarà ancora necessario per piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra e di contatto, spogliatoi e docce, centri culturali, centri sociali e ricreativi al chiuso, cinema, teatri e palazzetti dello sport. Necessaria la certificazione verde rafforzata anche per le sale gioco, le sale da ballo e per le feste dopo le cerimonie. In tutti i luoghi al chiuso sarà obbligatorio avere la mascherina chirurgica, mentre per i mezzi è necessaria la Ffp2. Dal 1 maggio, poi, salvo ulteriori deroghe, potrebbero cadere anche gli ultimi divieti. 

Video popolari

Addio a mascherine e Green Pass, Conte: «Da oggi affrontiamo il futuro con più serenità»

TrevisoToday è in caricamento