"Backstage", nasce la nuova piattaforma digitale del Teatro Stabile del Veneto

Grandi spettacoli, serie teatrali, intrattenimento per famiglie sempre disponibili on demand

Andrea Pennacchi sul palco

Dopo il successo della “Stagione sul sofà”, il palinsesto digitale che nei mesi di chiusura delle sale teatrali ha intrattenuto il pubblico da casa con oltre 300 contenuti proposti e oltre 1milione e 300mila visualizzazioni, il Teatro Stabile del Veneto incrementa la propria proposta sul web e presenta “Backstage” la prima piattaforma digitale con contenuti teatrali realizzati per il web.

Completamente gratuita per gli utenti, a cui verrà richiesta la registrazione nella fase del primo accesso, con un layout moderno e intuitivo la nuova piattaforma offrirà al pubblico la possibilità di interagire con i contenuti digitali esprimendo il proprio gradimento con like, commenti e creando playlist personalizzate. Non un contenitore di spettacoli nati per la scena e registrati a teatro, ma uno spazio dedicato a produzioni originali create appositamente per il web: oltre ai video di maggior successo di “Una stagione sul sofà”, come i racconti sull’Iliade e l’Odissea di Omero non piange mai di e con Andrea Pennacchi e la "Figlia di Shylock" con la scenografia virtuale di 4Dodo, la web serie #YuriLibero di Matteo Righetto e la rassegna di “Famiglie connesse” con compagnie e artisti del territorio tra cui Stivalaccio Teatro, Theama Teatro, MatricolaZero e Susi Danesin, la piattaforma si arricchirà di contenuti sempre nuovi. Web-serie teatrali, video-spettacoli integrali come Le regole dell’adolescenza, lungometraggio dedicato alle scuole con la Compagnia Giovani dello Stabile del Veneto diretta da Lorenzo Maragoni, o un inedito racconto di Pennacchi che verrà presentato nei prossimi mesi, una nuova edizione di “Famiglie connesse” con le storie interpretate dagli attori della compagnia Matricola Zero, e approfondimenti dedicati alla scoperta dei ruoli dietro le quinte e di come nasce una produzione teatrale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Nel periodo di chiusura delle sale abbiamo aperto virtualmente il sipario per entrare nelle case dei nostri spettatori e continuare ad intrattenere il pubblico con contenuti di qualità. Un esperimento che oggi possiamo dire riuscito e a confermarlo sono i numeri che hanno superato di molto il milione di visualizzazioni – dichiara Giampiero Beltotto, presidente del Teatro Stabile del Veneto – La rete non sostituirà certamente lo spettacolo dal vivo, ma siamo convinti che mostrare il teatro anche in questa forma, renderlo ancora più accessibile sfruttando le potenzialità del digitale, sia la strada giusta da percorrere per un coinvolgimento sempre maggiore del pubblico. Ecco perché abbiamo creato Backstage una piattaforma digitale che integri la proposta dei nostri cartelloni e accompagni gli spettatori nella scoperta dell’intero mondo del teatro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento