Motta di Livenza si rilancia: in arrivo nuove case a basso costo

Il Comune, in via Giorgione, vorrebbe realizzare sei abitazioni da circa 180mq che potranno essere assegnate mediante bando

Il sindaco Righi

L’Amministrazione di Motta di Livenza, durante il Consiglio Comunale dello scorso 29 maggio, ha esposto il progetto "FARE CITTA'" di rilancio urbanistico della città Liventina. Tra le misure c’era la disponibilità dell’Amministrazione Comunale di rendere reperibili nuove abitazioni vista la scarsa disponibilità sul territorio, questo per andare incontro alle necessità di giovani e famiglie mottensi. «Una misura che va incontro alle famiglie a causa della scarsa disponibilità di immobili congrui con le caratteristiche ricercate - spiega il sindaco Righi - Spesso, infatti, intere famiglie o giovani sono costretti ad emigrare non trovando case».

«È un dato preoccupante e riteniamo urgente intervenire - continua il primo cittadino - Molte ditte non sono interessate a costruire nei nostri territori e preferiscono farlo in località balneari con margini più ampi, soprattutto in questo frangente storico. Se la situazione non cambierà, e se servirà, siamo pronti a sostituirci e costruire case immettendole nel mercato al prezzo di mera costruzione. Un modo per aiutare giovani famiglie, famiglie numerose a rimanere a Motta. Una azione a supporto del cosidetto ceto medio che al momento non può permettersi immobili costosi e non può accedere a case popolari. Almeno due o tre persone a settimana mi chiamano in Comune per capire se a breve verrà costruito qualcosa altrimenti saranno costretti ad andare a malincuore in altri paesi. Nel mercato c'è poco ma costoso o inadeguato alle reali necessità».

La Giunta mottense non ha perso tempo ed ha presentato a inizio settembre una proposta di impulso d’asta per acquistare le 6 abitazioni al grezzo presenti in via Giorgione presso la lottizzazione Motta sud in stato di abbandono dopo il fallimento della ditta costruttrice. «Noi facciamo sul serio, abbiamo presentato una proposta d’acquisto e siamo già aggiudicatari provvisori dopo la prima asta. Se non ci saranno ulteriori rilanci ci aggiudicheremo definitivamente le 6 abitazioni. Se riusciremo ad accaparrarcele le completeremo e le venderemo al costo di realizzo. Sono 6 abitazioni da circa 180mq che potranno essere assegnate mediante bando a meno di 180 mila euro dai nostri conti. Un primo passo per andare incontro alle esigenze delle famiglie in un momento strategico per il loro futuro» spiega il sindaco.

«Di sicuro non ci fermeremo qui. Le richieste sono moltissime e l’offerta è veramente scarsa. Ci sono varie città che hanno già operato in questo modo ed i risultati sono positivi. Questa è una sola delle azioni, contenute nel pacchetto urbanistico "FARE CITTA", che stiamo portando avanti per rilanciare l'edilizia della nostra città. Non vogliamo sostituire i costruttori ma se la situazione non cambierà, bonus 110% a parte, a breve non esiteremo ad intervenire su questa linea per il bene di Motta e dei suoi cittadini» conclude Righi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento