menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pari opportunità: Mogliano entra a far parte della commissione sovracomunale

Ne fanno già parte i comuni di Casale, Casier, Marcon, Preganziol e Zero Branco, l’Ulss, e molte altre associazioni di categoria. Un importante passo verso l'integrazione

MOGLIANO VENETO Rafforzare le politiche di genere dell’Amministrazione comunale moglianese sul versante sociale, grazie alle possibili sinergie con Ulss, e non solo dal punto di vista culturale, avviare progetti di rete con la partecipazione a bandi di interesse comune, diversificare l'offerta di appuntamenti agli utenti che potranno rivolgersi ad un'area più vasta come quella di Treviso Sud, e proporre una gamma maggiore di eventi di sensibilizzazione durante tutto l'anno, oltre a quelli tradizionali di marzo e novembre.

Con questi obiettivi l’amministrazione moglianese è entrata a far parte della Commissione per le pari opportunità sovracomunale, cui aderiscono i comuni di Casier, capofila, Preganziol, Casale sul Sile, Zero Branco e Marcon. “Sulle politiche di genere si misura l’apertura della nostra società ad un futuro migliore, nel quale i ruoli di donne e uomini siano equivalenti naturalmente e non per effetto di lotte e conquiste. Ma la realtà ancora oggi è piuttosto distante e quotidianamente si ha la conferma che le donne sono tenute dagli uomini ancora qualche gradino più in basso nella scala sociale. Ma se purtroppo la violenza contro le donne è per certi versi endemica e va contrastata con misure adeguate, è sul fronte culturale che si deve far leva affinché la parità sia un risultato e non un obiettivo”, commenta il Sindaco Carola Arena.

La Commissione intercomunale, quindi è uno strumento per la realizzazione delle Pari Opportunità, mediante la promozione di iniziative riguardanti la condizione femminile, per l'effettiva attuazione del principio di uguaglianza sancito dalla Costituzione, dalle leggi e dallo Statuto. “La Commissione è attiva dal 2006 e abbiamo deciso e chiesto di poter aderire perché siamo convinti che un'azione sinergica sui territori di Comuni vicini possa essere efficace strumento al fine di sensibilizzare i cittadini, donne e uomini, sul tema delle Pari Opportunità, sulla conciliazione vita e lavoro, sulla prevenzione e contrasto alla violenza di genere, per l'effettiva attuazione del principio di uguaglianza tra i generi. Sarà certamente un forte supporto alle azioni della nostra Consulta comunale”, afferma Daniele Ceschin, assessore alle pari opportunità. La Commissione ha l’obiettivo di approfondire la conoscenza e la mappatura dei bisogni territoriali al fine di attivare una qualificata ed efficace promozione delle pari opportunità in sinergia con gli attori pubblici e privati del territorio, del contesto produttivo, formativo e sociale. Definirà progetti e formulerà istanze per la promozione di politiche e servizi di pari opportunità, tra i sessi e le categorie svantaggiate, anche nell’ambito lavorativo, della conciliazione tra lavoro e vita. Si occuperà anche di informazione e formazione tra gli attori territoriali e gli Enti Locali, attraverso interventi di orientamento, formazione continua e di genere. Inoltre, attiverà interventi di prevenzione e contrasto alla violenza di genere in rete con i servizi territoriali di Prefettura, Azienda sanitaria, Scuola e altri organismi di Parità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento