menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcune abitazioni Ater

Alcune abitazioni Ater

Canoni d'affitto Ater, ecco le proposte della Cgil trevigiana

Domani 24 settembre alle ore 17, al Centro Civico di Santa Bona a Treviso, la seconda assemblea pubblica per illustrare le 5 proposte su alloggi popolari e modifiche al nuovo regolamento regionale

Una controffensiva in 5 punti, quella mossa alla Regione Veneto dal SUNIA insieme alla CGIL e al Sindacato dei Pensionati trevigiani. Il terreno, in una battaglia che prosegue da anni, è la riforma pasticciata sull’edilizia popolare pubblica. E se un intervento del legislatore regionale era quanto mai necessario e atteso, il regolamento per i nuovi parametri di calcolo del canone di affitto ha mostrato tutta l’inadeguatezza di una norma pensata a tavolino, rifiutando fino a qui il confronto con chi rappresenta i cittadini - come lavoratori, pensionati e inquilini - e senza alcuna visione progettuale che dia risposta ai mutamenti della società.

Per questa ragione, dopo quella che ha avuto luogo a inizio agosto, SPI CGIL e SUNIA, in collaborazione con il Comitato Civico di Santa Bona, hanno convocato una seconda assemblea pubblica per domani, martedì 24 settembre alle ore 17, al Centro Civico di Santa Bona a Treviso, allo scopo di illustrare le cinque proposte della CGIL trevigiana, invitando i Primi Cittadini dei Comuni di Treviso, Castelfranco Veneto, Mogliano, Conegliano e Vittorio Veneto, quali membri della Conferenza dei Sindaci ATER.

Cinque correttivi per mettere fine alle iniquità create dal nuovo regolamento e garantire dignità alle famiglie più in difficoltà. Se il parametro d’ingresso, fissato a 20mila euro, è infatti sostanzialmente adeguato, bisogna invece alzare l’ISEE-Erp per la decadenza a 30mila euro, avendo un occhio di riguardo per anziani soli e famiglie con persone disabili. Stabilire un massimo per il canone, inferiore a quello del libero mercato e al canone supportato. Introdurre forme di franchigia su TFR, risarcimenti assicurativi o per malattie professionali e patrimonio immobiliare non remunerativo. Eliminare l’Iva come altrove e valutare in modo più puntuale l’osservatorio degli immobili sulla base del loro stato reale e delle spese condominiali, dando la possibilità di assegnare alloggi nello stato di fatto, con ristrutturazioni a carico degli inquilini in cambio di sconti su affitto o eventuale acquisto. Alla base, il vero problema, la mancanza di alloggi: sono 597 su 4.099 gli inquilini trevigiani fuori dai nuovi parametri che dovranno lasciare l’abitazione entro 24 mesi, numeri che non bastano a coprire nemmeno metà della lista d’attesa.

Mentre in città il privato sta trasformando vecchi palazzi, spesso prima pubblici, in appartamenti di lusso per manager o turisti di alta fascia, gli amministratori sull’universo dell’abitare mancano di una visione “futuristica”. E se nessuno sciopero dell’affitto è ammesso, come non sono accettabili scappatoie per i “veri” furbetti delle case popolari, perché non affidare all’ATER e ai Comuni le risorse - da Roma sono stati appena stanziati per il Veneto 16milioni di euro - per acquistare gli immobili inutilizzati a seguito di fallimenti e ora in mano alle banche e all’asta, per rimetterli sul mercato con canoni calmierati? I tempi stringono, si deve andare oltre la retorica dei numeri, parlare di persone. Spesso si dimentica che la questione economica è solo la più evidente, ma il disagio che si cela dentro certe situazioni non si combatte a colpi di articoli e commi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento