rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Attualità Centro

Treviso capitale della cultura 2026, depositata la candidatura

Martedì 4 luglio ufficializzata la manifestazione d'interesse: Treviso parteciperà al bando di gara, nelle prossime settimane il dossier finale. Il commento del sindaco, Mario Conte: «Grande opportunità per tutto il territorio»

Treviso ha presentato martedì 4 luglio la manifestazione di interesse per la partecipazione al bando per diventare Capitale Italiana della Cultura 2026. L’iter, dopo l'approvazione della Giunta, prevede ora l'attivazione dei tavoli di lavoro con la regia del sindaco Mario Conte e la parte operativa affidata al dirigente del Settore Musei, Biblioteche e Cultura, Turismo del Comune di Treviso. Il progetto punta al coinvolgimento dell’intero territorio, facendo perno su accordi e sinergie già in essere e di nuova costituzione con importanti realtà territoriali. Nelle prossime settimane verrà redatto e presentato il dossier finale, comprendendo la definizione di eventuali protocolli d’intesa, accordi e partnership con soggetti pubblici e privati per co-progettare, accompagnare e sostenere l’iniziativa. 

Il commento

«Treviso negli ultimi anni ha investito risorse ed energie per migliorare l'offerta culturale e il suo posizionamento strategico - spiega il primo cittadino di Treviso -. Abbiamo puntato su un miglioramento qualitativo della programmazione, attraverso attività come mostre e rassegne culturali, il restauro e l'ampliamento dei Musei, il salvataggio e la valorizzazione di Fondazioni culturali, il sostegno ai Festival, l'acquisizione del Teatro Comunale, anche grazie alla partecipazione di una vasta compagine di enti pubblici e privati, associazioni, consorzi e istituti culturali». «Il 2026 sarà un anno importantissimo per il Nord Est - continua Conte -. La collocazione geografica e la connotazione storico-culturale di "porta di accesso alle Dolomiti" si prospettano di importanza strategica in previsione di alcuni eventi di importanza internazionale, come le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026 e per questo la candidatura a Capitale Italiana della Cultura rappresenta un’opportunità per il nostro territorio in un’ottica di intesa interistituzionale, volta ad attivare forme di collaborazione per un programma capace di divenire motore di un processo di rigenerazione e riqualificazione dei servizi culturali e creativi, turistici, sociali e di welfare». L’iniziativa “Capitale italiana della cultura” è stata istituita nel 2014: obiettivo della manifestazione è quello di promuovere progetti e attività di valorizzazione del patrimonio culturale italiano, sia materiale che immateriale, attraverso una forma di confronto e di competizione tra le diverse realtà territoriali, incentivando così la crescita del turismo e dei relativi investimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treviso capitale della cultura 2026, depositata la candidatura

TrevisoToday è in caricamento