rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Attualità

Carenza di medici di base: innalzare a 1800 il massimale di pazienti

La proposta è stata formalizzata alla Regione da parte della Conferenza dei Sindaci dell'Azienda Ulss 2 Marca trevigiana

Incremento il massimale dei medici a 1800 assistiti, su base volontaria. Questa la proposta che sarà presentata alla Regione dalla Conferenza dei Sindaci dell'Azienda Ulss 2 Marca trevigiana, tenutasi oggi, per uscire dalla problematica la carenza di medici di medicina generale.

Durante una riunione che si è svolta oggi, venerdì 1 ottobre, è stato condiviso con le amministrazioni comunali un aggiornamento in relazione all'assistenza medica sul territorio, rispetto ai precedenti incontri tenutisi il 16 luglio e il 31 agosto. La proposta progettuale, condivisa con le organizzazioni  sindacali della medicina generale, che in sintesi prevede l'incremento del massimale dei medici a 1800 assistiti, su base volontaria, a fronte dell'implementazione delle forme associative e della dotazione del personale di studio di tutti i medici aderenti.

La proposta è stata inviata in Regione in quanto l'incremento del massimale in via definitiva a 1.800 assistiti necessita dell'approvazione da parte della stessa. Se la proposta sarà autorizzata l'azienda provvederà ad avviare un confronto con la medicina generale su tutti i contenuti del progetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza di medici di base: innalzare a 1800 il massimale di pazienti

TrevisoToday è in caricamento