menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un agente in borghese fotografa i prezzi

Un agente in borghese fotografa i prezzi

Prezzi "lievitati" nei supermercati: nasce il nucleo dedicato al controllo dei prezzi

In azione gli agenti della polizia locale di Treviso per vigilare sui rialzi non giustificati che in molti cittadini stanno notando nel corso degli ultimi giorni

Il Comando di Polizia Locale di Treviso ha attivato da qualche giorno un nucleo dedicato al controllo dei prezzi, dopo le segnalazioni pervenute dai cittadini circa aumenti non proporzionali su alcuni generi di prima necessità. Sono stati potenziati i controlli negli ipermercati, nei supermercati e nei piccoli negozi per monitorare l'andamento dei prezzi e approfondire le situazioni che potrebbero apparire non giustificate. Gli agenti in borghese, anche questa mattina, hanno operato alcuni controlli negli esercizi registrando i prezzi di alcuni prodotti di largo consumo, in particolare di alimenti come frutta e verdura.

«Stiamo registrando tutti i prezzi -evidenzia il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo- Acquisiamo dai negozianti e dalle società titolari degli ipermercati le fatture di acquisto della merce per capire la percentuale di rialzo in fase di vendita al consumatore finale. È un lavoro che impegna molto e che darà risultati nel medio termine ma il segnale che stiamo lanciando è chiaro: tuteliamo il consumatore ma anche quelle attività economiche che stanno lavorando con trasparenza ed onestà senza speculare su questa crisi».

Dal Comando di via Castello d’Amore viene evidenziata anche la gravità delle sanzioni in caso di rialzi di prezzi non giustificati. Il Codice del consumo prevede sanzioni da 5 mila a 500 mila euro ed anche il Codice penale sanziona con la reclusione fino a tre anni e la multa fino a 25 mila euro se viene accertato il rialzo fraudolento dei prezzi. L'invito è anche quello di segnalare situazioni anomale: «Abbiamo bisogno della collaborazione dei cittadini», ricorda Gallo. «Per questo invitiamo i consumatori a fotografare i prezzi con la merce e trasmettere tutto alla email pl.commerciale@comune.treviso.it indicando nome del negozio con data e ora della fotografia scattata».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Dalla Rete

    Digos della Questura di Treviso, nominato il nuovo dirigente

  • Salute

    Monastier, nuova tecnica 3D per gli interventi a spalla e ginocchio

  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento