Organici dei vigili del fuoco ridotti all'osso, i sindacati trevigiani aderiscono alla protesta

Dalla prossima settimana il Comando di Treviso si troverà con una carenza di circa 50 unità tra Vigili del Fuoco e Capi Squadra su un totale di circa 300 previsti, un difetto prossimo al 20% che tra l’altro non considera i molti pensionamenti alle porte

I mezzi dei pompieri

Venerdì 15 novembre anche i VVF del Comando provinciale di Treviso aderiranno alla protesta del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Ad indire la mobilitazione, i sindacati di categoria Fp Cgil Vvf, Fns Cisl, Uilpa Vigili del fuoco, che per la stessa giornata hanno organizzato presidi presso tutte le Prefetture del Paese, proclamando inoltre quattro giornate di sciopero generale del personale iniziando dal 21 novembre per poi proseguire nei giorni 2, 12 e 21 dicembre.

A Treviso non ci sarà il presidio in piazza dei Signori, perché i rappresentanti dei Vigili del fuoco sono stati ricevuti la scorsa settimana dal prefetto Maria Rosaria Laganà, che ha riconosciuto le problematiche del Corpo Nazionale, le condizioni di lavoro in cui si trovano ad operare i pompieri di Treviso e si è impegnata a scrivere subito a Roma. Dalla prossima settimana, il Comando di Treviso si troverà con una carenza di circa 50 unità tra Vigili del Fuoco e Capi Squadra su un totale di circa 300 previsti, un difetto prossimo al 20% che tra l’altro non considera i molti pensionamenti alle porte. Da ieri sono state accreditate un po' di ore di straordinario per venire incontro a questa carenza, ma non bastano e scadranno a fine anno.

I Vigili del fuoco chiedono al Governo la valorizzazione del proprio lavoro dal punto di vista retributivo e previdenziale, maggiore tutela per gli infortuni e le malattie professionali, un riconoscimento reale delle specificità e dell’alta professionalità, il potenziamento degli organici. I sindacati hanno deciso di farsi sentire anche perché questi aspetti ancora non hanno trovato il giusto riscontro nella Legge di Bilancio, che vede assegnati 25 milioni di euro, di cui 10 stornati da un fondo già esistente. Di fatto il contributo effettivo si riduce ai soli ed insufficienti 15 milioni di euro. Per capire questi contributi, bisogna pensare che per un allineamento con le forze di polizia ai Vigili del Fuoco servono 215 milioni.

«La giornata di mobilitazione -spiegano i rappresentanti territoriali Claudio Bertolo della Fp Cgil, Antonio Zambon della Cisl Fns e Michele Bessegato della Uilpa- è stata organizzata dai sindacati di categoria perché purtroppo continuiamo a constatare il mancato riconoscimento della specificità professionale delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto che non sono da meno rispetto agli operatori di altri settori legati a sicurezza e soccorso pubblico: le belle parole di elogio e stima tardano a tradursi in fatti concreti su un percorso di valorizzazione stipendiale delle specializzazioni del Corpo. Si sono poi manifestate difficoltà nell’applicazione delle disposizioni relative agli inquadramenti ed alle progressioni di carriera del personale ed una nuova legge delega a tale riguardo non è stata ancora prevista dal Governo nonostante le molteplici sollecitazioni sindacali. Come per tutti i dipendenti pubblici servono ulteriori investimenti».

Ad aggravare la situazione - proseguono i rappresentanti sindacali - è la mancanza di un sistema previdenziale complementare che consenta ai Vigili del Fuoco, neo assunti in particolare, di vedersi garantire una pensione adeguata alle aspettative di vita future. Gli interventi relativi alle assunzioni nelle scorse Leggi di Bilancio pur se apprezzabili, non sono sufficienti a fornire un adeguato servizio ai cittadini e in questo senso il Corpo necessita di un potenziamento straordinario di organico. In questo quadro critico l’Amministrazione non ha ancora predisposto quanto necessario per bandire nuovi concorsi, così come giace nei cassetti del Ministero dell’Interno la proposta di un nuovo regolamento per il reclutamento del personale nei ruoli dei volontari del Corpo, mentre, per le malattie professionali, si richiede l’estensione dell'assicurazione Inail al personale operativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Incubo finito, Letizia rintracciata a Piacenza

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Lego in mostra a Treviso: migliaia di mattoncini per una città ecosostenibile

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

Torna su
TrevisoToday è in caricamento