menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiesa di San Teonisto a Treviso, apertura al pubblico domenica 7 ottobre

Sarà possibile “riscoprire” le 19 grandi tele che lo scorso gennaio sono state ricollocate dopo un accurato intervento di restauro che le ha restituite alla originaria bellezza

TREVISO Domenica 7 ottobre, come ogni prima domenica del mese, la chiesa di San Teonisto di Treviso sarà aperta al pubblico dalle ore 10 alle 18. Sono in programma due visite guidate a partenza aggregata alle ore 11 e alle 16 (costo 5 euro a persona). Inoltre è possibile prenotare visite guidate per gruppi, scrivendo a: info@chiesasanteonisto.it (costo 5 euro a persona per gruppi di minimo 25 persone, massimo 40). Sarà possibile “riscoprire” le 19 grandi tele che lo scorso gennaio sono state ricollocate dopo un accurato intervento di restauro che le ha restituite alla originaria bellezza. Le opere – commissionate nel corso del Seicento dalle monache benedettine che avevano eretto il convento e la chiesa di San Teonisto a illustri pittori dell’epoca quali Jacopo Lauro, Carletto Caliari, Matteo Ingoli, Bartolomeo Scaligero, Pietro della Vecchia, Ascanio Spineda, Alessandro Varotari detto il Padovanino, Matteo Ponzone, Paolo Veronese e Antonio Fumiani – dopo una storia travagliata, sono tornate sui muri per i quali erano state dipinte grazie a un accordo trentennale tra il Comune di Treviso e la Fondazione Benetton, che consentirà alla cittadinanza di ammirarle nuovamente nella loro sede originaria.

A rendere possibile il loro rientro è stato il completo recupero della chiesa, voluto e finanziato da Luciano Benetton. Il complesso intervento di restauro, iniziato nel 2014 e ultimato alla fine del 2017, è stato affidato all’architetto Tobia Scarpa che ha saputo restituire un’architettura rinnovata ma capace di raccontare i segni del passato di luogo consacrato, poi gravemente danneggiato dai bombardamenti del 1944, sconsacrato e adibito a usi diversi. L’edificio è stato gestito dal Comune di Treviso fino all’acquisizione, nel 2010, da parte di Luciano Benetton che successivamente l’ha donato alla Fondazione per farne un luogo di cultura.

Visite guidate per gruppi su prenotazione. Informazioni e costi: info@chiesasanteonisto.it

Per maggiori informazioni: Fondazione Benetton Studi Ricerche: T 0422 5121, fbsr@fbsr.it, www.fbsr.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento