Scopre di avere un tumore: rifiuta le cure e chiama gli amici per stare con loro

Il trevigiano Mario Feltrin si è spento all'età di 66 anni a causa di una malattia incurabile. Prima di morire ha accettato solo le cure palliative, vivendo a pieno i suoi ultimi giorni

Mario Feltrin (Foto tratta da Facebook)

Aveva scoperto di avere un tumore al pancreas ormai in stato terminale. Le cure per provare a debellarlo sarebbero state intense e dolorose, senza garantirgli nemmeno la certezza di riuscire a sopravvivere e allora, a quel punto, il trevigiano Mario Feltrin ha deciso di vivere a pieno gli ultimi giorni che gli rimanevano accettando solo le cure palliative e chiamando a raccolta tutti gli amici di una vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", prima di spegnersi all'età di 66 anni Feltrin ha telefonato agli amici che avevano vissuto insieme a lui i momenti più significativi della sua esistenza, ha spiegato loro di stare per morire e di voler incontrarli un'ultima volta prima della dipartita. In tantissimi hanno accettato, commossi per il suo invito e sono andati a trovarlo nella sua casa di Tarzo per parlargli un'ultima volta. Avvocato per professione, Feltrin era anche un grande amante dello sport. La vela e le arrampicate erano le sue passioni più grandi. Aveva giocato e allenato le squadre giovanili di rugby e poteva vantare anche una piccola esperienza nel mondo dell'insegnamento che l'aveva portato in cattedra al Cfp di Lancenigo. Figlio dell'ex sindaco di Oderzo, Pietro Feltrin, non si è mai fatto intimidire dalla malattia e l'ha affrontata con il sorriso dando sempre la precedenza ai valori fondamentali della vita e all'importanza delle relazioni umane. Una folla enorme si è riversata in chiesa per assistere ai suoi funerali dove tanti amici e conoscenti, chiamati da Mario prima di morire, hanno voluto dedicargli un ultimo pensiero e un messaggio di vicinanza. Un uomo dal cuore grande che ha lasciato un ricordo indelebile nelle tantissime persone incontrate in vita. «Io sono sereno - sarebbero state le sue ultime parole - Siamo fortunati quando abbiamo tanti amici intorno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento