Coronavirus, attenzione ai falsi appelli a donare e alle bufale

Giocano molto sulla sensibilità delle persone, motivo per cui spesso il paziente di turno che avrebbe bisogno è un bambino. A volte viene fatta qualche modifica nel tempo, di solito della località

Un donatore di sangue

Ci risiamo! Tornano a girare sui social e gruppi whatsapp falsi appelli di emergenza sangue, in particolare di richieste per bambini e/o giovani con gravi malattie. In questi giorni ci giungono molte segnalazioni di appelli per due bambini, con tanto di nome, cognome e cellulare per informazioni. Sono gli stessi messaggi di anni e anni fa, già segnalati in passato anche alla Polizia Postale. Giocano molto sulla sensibilità delle persone, motivo per cui spesso il paziente di turno che avrebbe bisogno è un bambino. A volte viene fatta qualche modifica nel tempo, di solito della località.

«Ma non funziona così, assolutamente, il sistema trasfusionale nel nostro Paese! Primo perché l’organizzazione a rete dei Centri trasfusionali in Veneto, e in generale in Italia, permette l’interscambio di sacche di sangue fra i diversi ospedali -spiega il presidente di Avis regionale Veneto, Giorgio Brunello- secondo perché, se proprio c’è una necessità specifica, i donatori vengono chiamati a donare direttamente dall’Avis, dalle altre associazioni di donatori o dai Centri trasfusionali di riferimento». Ai cittadini chiediamo molta attenzione, di non diffondere e condividere alcun messaggio di questo tipo per non creare confusione, false notizie e danni all’impagabile impegno di donatori, volontari e personale sanitario. «Il fabbisogno è coordinato a livello nazionale e non ha certo bisogno di questi soggetti che sfruttano la buona fede e il buon cuore di tutti – conclude Brunello -  isoliamoli».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per informazioni su come si diventa donatori rivolgetevi piuttosto all’Avis più vicina, alle Avis provinciali o alla segreteria di Avis Veneto (0422 405088).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento