rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca Sant'Antonino / Piazzale dell'Ospedale

Tossicodipendente aggredisce due agenti penitenziari in pronto soccorso

Notte da incubo all'ospedale Ca' Foncello: un uomo fuori controllo ha iniziato a scaraventare a terra gli strumenti diagnostici, terrorizzando i presenti. Grazie all'intervento degli agenti è stato subito fermato

Nottata da incubo per alcuni poliziotti penitenziari del carcere di Treviso che, arrivati in pronto soccorso all'ospedale Ca' Foncello hanno dovuto fronteggiare la follia di un uomo andato in escandescenze.

I commenti

«Una protesta sconsiderata e incomprensibile da parte di un vero e proprio energumeno - spiega Giovanni Vona, segretario nazionale per il Triveneto del sindacato autonomo di polizia penitenziaria (Sappe), il primo e più rappresentativo della categoria -. I due poliziotti erano di scorta in ospedale a mezzanotte per una visita urgentissima. Sono stati aggrediti da un esagitato tossicodipendente che era presente in pronto soccorso e stava dando problemi (scaraventando a terra strumenti diagnostici e urlando). Loro lo hanno bloccato, lo hanno fatto sedare e hanno affrontato bene il problema. Solo grazie al tempestivo intervento di questi ultimi, dunque, l’uomo è stato riportato alla calma, anche con l'ausilio del personale medico». Donato Capece, segretario generale del Sappe, esprime solidarietà ai poliziotti contusi e denuncia: «Sono stati momenti di grande tensione e pericolo, gestiti però con grande coraggio e professionalità dai poliziotti penitenziari, che sono stati minacciati, insultati e colpiti dall’uomo. L’evento è stato particolarmente critico perché posto in essere in una corsia di ospedale ma è stato gestito al meglio dalla polizia penitenziaria, che paga pesantemente in termini di stress e operatività questi gravi e continui episodi critici. Ai colleghi contusi va la nostra vicinanza e solidarietà nonché un ringraziamento particolare per l’intervento che, incuranti di qualsiasi pericolo e nonostante le conseguenze riportate, ha permesso di bloccare il violento».

La denuncia

Il Sappe lamenta: «una volta di più le quotidiane difficoltà operative con cui si confrontano giornalmente le unità di polizia penitenziaria in servizio nei Nuclei traduzioni e piantonamenti: agenti che sono sotto organico, non retribuiti degnamente, con poca formazione e aggiornamento professionale, impiegati ben oltre le 9 ore di servizio quotidiano, con mezzi di trasporto dei detenuti spessissimo inidonei a circolare per le strade del Paese, fermi nelle officine perché non ci sono soldi per ripararli o con centinaia di migliaia di chilometri già percorsi». I sindacalisti denunciano, infine, il quotidiano e sistematico ricorso alle visite mediche in ospedali e centri medici fuori dal carcere, con contestuale massiccio impiego di personale di scorta appartenente alla Polizia Penitenziaria, per la diffusa presenza di patologie tra i detenuti: «Dal punto di vista sanitario la situazione delle carceri è semplicemente terrificante: secondo recenti studi di settore è stato accertato che almeno una patologia è presente nel 60-80% dei detenuti. Questo significa che almeno due detenuti su tre sono malati. Tra le malattie più frequenti, proprio quelle infettive, che interessano il 48% dei presenti. A seguire i disturbi psichiatrici (32%), le malattie osteoarticolari (17%), quelle cardiovascolari (16%), problemi metabolici (11%) e dermatologici (10%). Questo fa capire ancora di più come e quanto è particolarmente stressante il lavoro in carcere per le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria e dei Nuclei Traduzioni e Piantonamenti che svolgono quotidianamente il servizio con professionalità, zelo, abnegazione e soprattutto umanità, pur in un contesto assai complicato per il ripetersi di eventi critici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tossicodipendente aggredisce due agenti penitenziari in pronto soccorso

TrevisoToday è in caricamento