menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Andrea De Rossi

Andrea De Rossi

E' morto a 38 anni Andrea "Nea" De Rossi, gran tifoso del Treviso

Cordoglio da parte della società e affetto da parte degli amici. Il trevigiano era un appassionato di calcio e basket. "Sempre allegro"

TREVISO — Tifosi, sportivi, amici, lo ricordano tutti come “una bella persona”. Un melanoma se l’è portato via a soli 38 anni. È mancato all’affetto dei suoi cari Andrea De Rossi, trevigiano, da molti soprannominato “Nea”, morto nella notte tra giovedì e venerdì.

Tifoso del Treviso Calcio, ma appassionato anche di basket. Sempre pronto a sostenere le sue squadre del cuore in compagnia degli amici. “C'eravamo conosciuti a vedere il Treviso calcio poi frequentando il Palaverde e quella curva abbiamo cominciato ad avere più occasioni e vederci più spesso – scrive un conoscente, Matteo, sulla pagina Facebook di Andrea De Rossi -. Non lo so il perché, e non lo saprò mai ma ci siamo subito capiti,ogni volta che ci vedevamo se ti ricordi era un abbraccio e un ti voglio bene e anche se lo facevamo per scherzare vedevi che era una cosa che veniva dal cuore. Eri una persona speciale e stavi bene con tutti, sempre con il sorriso stampato in faccia. Amavi il basket è il calcio e ti piaceva stare in compagnia,non ti mai visto arrabbiato e se lo facevi,era solo per finta”. 

Centinaia di messaggi di affetto, di addio, per una persona che ha lasciato il segno soprattutto tra gli sportivi. “Sempre allegro e con il sorriso”, lo hanno definito i conoscenti. “Ero piccolo quando mi salutavi con il tuo enorme sorriso e mi dicevi ciao dopo anni lo facevi ancora allo stesso modo anche se ci vedevamo poco – scrive Nicolò -. Ciao, porta il tuo sorriso lassù e tifa Treviso”. Tanto cordoglio anche da parte della stessa società A.C.D. Treviso, dei tifosi della Di Maio e del calcio amatoriale. “Un uomo ricordato da tutti per la sua allegria e per il sorriso stampato sulle labbra – si legge in una nota del Treviso Calcio -. La società biancoceleste si è messa subito in moto e  per commemorare la sua memoria, grazie all'impegno in prima persona del segretario generale Leandro Casagrande, il comitato regionale veneto ha autorizzato ad osservare un minuto di silenzio prima della gara tra A.C.D.Treviso-Calvi Noale”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Montebelluna, la mamma di Mattia ai funerali: «Chi ha sbagliato pagherà»

  • Attualità

    Vaccinazioni, Benazzi difende l'infermiera: «Non è una No Vax»

  • Attualità

    Vax Day per i 70enni: «Code in mattinata, rifiuti per AstraZeneca»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento