rotate-mobile
Cronaca San Zeno / Via Terraglio

Violenza e pizzo alle prostitute, sgominata banda ungherese-albanese

La polizia ha eseguito nella notte tra lunedì e martedì sei provvedimenti restrittivi nei confronti di stranieri che sfruttavano le lucciole

Un'operazione della polizia di Stato contro il reclutamento, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione ha portato, nel corso della notte tra lunedì e martedì, a eseguire sei provvedimenti restrittivi sgominando così un'organizzazione albanese-ungherese attiva in Veneto.

LUCCIOLA MINACCIATA COL COLTELLO PER 50 EURO

Risultano irreperibili in Italia due indagati che sono ricercati anche all'estero tramite il Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia. La Squadra Mobile della Questura di Venezia ha scoperto come uno strutturato gruppo criminale reclutava giovani ragazze, appena maggiorenni, in Ungheria che venivano destinate a prostituirsi nel Veneto, soprattutto sulla strada statale "Terraglio" che collega Mestre a Treviso.

Gli indagati ricorrevano anche all'uso della violenza fisica per affermare il proprio predominio, tanto da minacciare le ragazze di altri gruppi pretendendo il "pizzo" ed imponendo una "tassa di stazionamento" pari a 50 euro a sera per ogni ragazza. Le giovani reclutate in Ungheria dovevano consegnare al gruppo quanto guadagnato, e non dovevano intrattenersi per più di 10 minuti col cliente. La 'mobile' lagunare ha accertato anche transazioni di denaro tramite agenzie di money transfer per svariate migliaia di euro, con frequenza quasi giornaliera.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza e pizzo alle prostitute, sgominata banda ungherese-albanese

TrevisoToday è in caricamento