menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due chili di cocaina in una casa di San Biagio destinati al Veneziano

Una manette una 26enne ungherese. L'indagine dei carabinieri di Venezia è cominciata a Mestre, dove sarebbero avvenuti episodi di spaccio

SAN BIAGIO DI CALLALTA Puntavano soprattutto sul fine settimana, quando evidentemente i loro commerci in fatto di stupefacenti si impennavano. Soprattutto nella zona di Mestre, nel veneziano. Venerdì scorso una donna e due pusher sono finiti in manette per detenzione di droga ai fini di spaccio, con il sequestro anche di due chili di cocaina custoditi all’interno di un’abitazione di San Biagio di Callalta.

Le indagini sono scaturite da alcuni appostamenti dei carabinieri del nucleo investigativo di Venezia nella zona della mestrina stazione ferroviaria e di via Piave. I militari sono riusciti via via a risalire la china scoprendo dove il "grosso" della cocaina era stata nascosta. Si tratta dell'abitazione di San Biagio di Callalta in cui abitava la donna arrestata: una 26enne ungherese che custodiva nel proprio appartamento due chili di "polvere bianca".

Non solo. Gli accertamenti dei carabinieri hanno portato al sequestro anche di 34 cartucce e di una pistola Tanfoglio Force 921r, risultata provento di furto, oltre che di vario materiale utilizzato per confezionare le dosi di stupefacente. Per la giovane, dunque, compagna di uno degli altri due albanesi finiti in manette, è scattato subito l'arresto in flagrante. Per la coppia di pusher, invece, entrambi 24enni, i loschi traffici si sono conclusi nelle vicinanze dell'aeroporto Marco Polo di Venezia.https://adv.strategy.it/www/delivery/lg.php?bannerid=2836&campaignid=83&zoneid=787&loc=1&referer=https%3a%2f%2fmestre.veneziatoday.it%2Fspaccio-droga-carabinieri-mestre-2015.html&cb=7251568e34

Con sé avevano diverso denaro contante (i proventi dello spaccio da riportare in patria), consapevoli evidentemente di avere il fiato sul collo delle forze dell'ordine. Visto il reale pericolo di fuga, i due sono stati sottoposti a fermo. Continuano invece le indagini sulla pistola sequestrata nell'abitazione della 26enne, per capire dove sia stata trafugata e se sia stata utilizzata in qualche scorribanda criminale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento