Frana di Acquabona: riaperta in mattinata la statale di Alemagna

Anas è intervenuta, lavorando tutta la notte in collaborazione con i vigili del fuoco, forze dell’ordine, gli enti locali e i tecnici, per eseguire gli interventi necessari che hanno reso possibile la riapertura dell’arteria

CORTINA Anas comunica che, intorno alle ore 7:00 circa di questa mattina, ha riaperto al traffico il tratto della strada statale 51 “Di Alemagna” chiusa ieri sera intorno alle ore 21:15 a causa di due colate detritiche ad Acquabona, frazione del comune di Cortina d’Ampezzo, in provincia di Belluno. La prima colata detritica ha interessato marginalmente il tratto stradale in corrispondenza del km 97,500, mentre la seconda, fra il km 98,000 e il 98,100, è stata di maggiore entità. Anas è intervenuta, lavorando tutta la notte in collaborazione con i Vigili del Fuoco, le Forze dell’Ordine, gli enti locali e i tecnici, per eseguire gli interventi necessari che hanno reso possibile la riapertura dell’arteria alle prime ore della mattina.

Al momento, Anas sta continuando a monitorare costantemente la situazione, anche in vista delle condizioni meteo avverse dei prossimi giorni. Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione `VAI Anas Plus`, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il nuovo numero verde, gratuito, 800 841 148.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento