menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sparano al vicino di casa con fucili e pistola da softair: quattro giovani bellunesi nei guai

I ragazzi, probabilmente in preda ai fumi dell'alcol, hanno preso di mira un uomo nel suo giardino. Per loro è scattato il sequestro delle armi e uno è stato persino denunciato

Lo scorso fine settimana la squadra volante è intervenuta in seguito alla segnalazione di un cittadino bellunese che si sentiva protagonista di un vero e proprio "tiro al bersaglio" ed ha così chiesto l'aiuto degli agenti. Ai poliziotti, immediatamente intervenuti, l’uomo ha spiegato di essere appena stato colpito da almeno due scariche di pallini di plastica sparati presumibilmente da un’arma “soft air”, da una finestra dei palazzi di fronte alla sua abitazione mentre si trovava in giardino e di essere ancora dolorante alle spalle e all’orecchio.

Gli uomini delle volanti sono riusciti subito ad individuare la finestra dalla quale era presumibile che fossero partiti i colpi e così si sono subito portati nell’appartamento per verificare l’accaduto. Bussando alla porta hanno trovato quattro ragazzi che da prima hanno cercato di negare ogni responsabilità, ma poi hanno dovuto confessare confermando che poco prima, probabilmente in preda ai fumi dell’alcool, avevano iniziato a intrattenersi con alcune armi soft air. Grazie a una perquisizione sono stati trovati tre fucili ad aria compressa ed una pistola, sempre ad aria compressa, poi una confezione di pallini in plastica di colore verde dello stesso tipo di quelli rinvenuti a terra nell’orto dell’uomo che aveva richiesto l’intervento della polizia. Il fucile dal quale erano partiti i pallini che avevano colpito il malcapitato è stato sequestrato.

Uno dei quattro ragazzi, un diciannovenne di Ponte nelle Alpi, si è assunto la responsabilità del gesto ed è stato accompagnato in Questura, dove è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per lancio pericoloso di oggetti. Le armi c.d. “soft air”, ad aria compressa, erano state acquistate liberamente e legalmente, ma l'utilizzo che ne è stato fatto è perseguibile dalla legge.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento