Cronaca

Gli ruba il furgone con la merce per l'Expo e tenta l'estorsione

Vittima un commerciante bengalese che aveva prenotato uno stand alla fiera. All'interno del mezzo merce per 25mila euro. Due arresti a Conegliano

CONEGLIANO Tutto era pronto per esporre la propria merce all’Expo internazionale di Milano, furgone carico e stand già prenotato. Un commerciante ambulante originario del Bangladesh, ma ormai titolare di permesso di soggiorno in Italia, aveva anche assunto da pochi giorni un nuovo collaboratore – connazionale – con l’intesa di allestire uno stand presso la fiera internazionale. Il collaboratore, però, non si è dimostrato fedele e proprio lungo il tragitto per Rho, approfittando di una momentanea assenza del titolare, si è allontanato con il furgone stipato di merce per un valore di 25mila euro.

Dopo pochi giorni la richiesta estorsiva: “dammi i soldi o ti spacco il furgone, se mi paghi te lo restituisco.” Il commerciante, inizialmente, ha tentato una composizione “bonaria”, contattando un altro connazionale che era poi colui che gli aveva presentato il collaboratore infedele, ma anche quest’ultimo – evidentemente in combutta – ha suggerito di assecondare la richiesta estorsiva per riavere intatto il furgone. L’uomo, lungi dal farsi intimorire, ha sporto denuncia ai carabinieri di Milano i quali, effettuati i dovuti accertamenti, hanno scoperto che l’autista del furgone sottratto bazzicava tra la zona di Mestre e quella di Conegliano.

Da questo momento sono entrati in campo gli uomini della compagnia di Mestre, che – in stretta collaborazione con i colleghi di Milano – “hanno agganciato” la vittima dell’estorsione seguendola sul luogo dell’appuntamento per la restituzione concordata del furgone, previo pagamento di una discreta somma di denaro. Il luogo prescelto era proprio la stazione ferroviaria di Mestre, da dove però, avendolo fatto attendere fino alla sera forse per assicurarsi anche il favore delle tenebre, la vittima è stata dirottata verso la stazione di Conegliano. Qui è avvenuto l’incontro con il gruppo dei malviventi; ai due estorsori si sono affiancati infatti altri quattro connazionali che hanno circondato il commerciante conducendolo in una strada laterale e poco frequentata dove era parcheggiato il mezzo. I movimenti del gruppo non sono sfuggiti però ai carabinieri che avevano raggiunto a loro volta la località sulle colline trevigiane e si erano messi in attesa che le mosse del gruppo criminale giungessero a compimento. Fulminea l’azione di accerchiamento e blocco della scena, appena dopo l’apertura del portellone del mezzo, ancora stipato della merce per l’Expo.

I due estorsori principali sono stati arrestati mentre per i quattro del “gruppo di rinforzo” è scattata la denuncia, avendo preso parte all’azione solo nella sua fase finale. Alla vittima è stato invece restituito finalmente il furgone, con destinazione Milano, Fiera internazionale dell’Expo. Sono tuttora in corso ulteriori approfondimenti, per appurare il compimento di analoghe azioni, da parte del gruppo, nei confronti di altri soggetti della zona, nel dubbio che tale tipo di attività fosse compiuta in maniera “professionale” ed organizzata.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli ruba il furgone con la merce per l'Expo e tenta l'estorsione

TrevisoToday è in caricamento