rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Cronaca Sant'Ambrogio di Fiera / Via Don Lorenzo Milani, 2A

Malore fuori dal supermercato, salvato dai dipendenti con il defibrillatore

Tragedia sfiorata venerdì 27 gennaio al supermercato Alìper di Via Milani: un 78enne trevigiano colpito da un arresto cardiaco è stato soccorso dal personale del punto vendita e rianimato sul posto

Un arresto cardiaco all'uscita dal supermercato, rischiava di costare la vita ad A.S., trevigiano di 78 anni che, venerdì 27 gennaio, ha avuto un malore improvviso in Via Milani.

WhatsApp Image 2023-01-27 at 16.17.06-2

Da una prima ricostruzione dei fatti, tutto sarebbe accaduto verso le 12.30. Il 78enne Adriano, cliente abituale del supermercato, aveva appena finito di caricare dei sacchi di pellet in auto. Tornando a riportare il carrello si è accasciato a terra, fuori dall'ingresso del supermercato Alìper. Fortuna ha voluto che l'addetto alla sicurezza, Alessandro Delle Cave, abbia assistito alla scena e sia subito corso in suo aiuto iniziando a praticargli il massaggio cardiaco. Poco dopo è intervenuto Gianluca Toffolo, dipendente del punto vendita che, dopo aver praticato senza successo il massaggio cardiaco al 78enne, ha preso il defibrillatore in dotazione al supermercato e, con sole due scosse, è riuscito a rianimare l'uomo prima dell'arrivo del Suem 118. Il 78enne ha ripreso conoscenza sul posto, portato in pronto soccorso a Treviso si è ripreso e non sarebbe in pericolo di vita.

Il commento

«Siamo stati bravi ma anche fortunati - commentano i dipendenti eroi insieme al direttore del punto vendita, Lorenzo Spizzotin -. Abbiamo temuto che il nostro cliente avesse perso la vita davanti a noi, avevamo fatto i corsi sulla sicurezza esercitandoci a situazioni di questo tipo con un manichino. Rianimare una persona vera è ovviamente molto diverso - concludono -, per fortuna tutto si è risolto nel migliore dei modi».

La prevenzione

Proprio per prevenire episodi di questo tipo l'azienda Aliper ha investito in corsi periodici: attualmente sono 454 i dipendenti abilitati all'uso del defibrillatore (tra cui appunto i dipendenti del market di via don Milani) e ben 650 nel primo soccorso, con attestato da parte della Croce Rossa. Dispositivi salvavita sono installati in tutti i supermercati Alì e Aliper, negli uffici e nei magazzini aziendali. Lo scorso 5 gennaio a Selvazzano dentro (Padova) era accaduto un episodio simile a quanto avvenuto ieri: anche in quel caso il direttore, un collaboratore e un poliziotto fuori servizio erano riusciti a rianimare un cliente che era stato colpito da un infarto. Decisivo anche in quel caso l'impiego del defibrillatore.

Le parole del sindaco

«Esprimo riconoscenza al personale del supermercato di via Don Milani che, con l'aiuto del defibrillatore, ha salvato la vita a un cliente trevigiano - chiude Mario Conte, primo cittadino di Treviso -. La prontezza degli addetti del punto vendita è stata fondamentale nei soccorsi ad un nostro concittadino, colpito da un malore improvviso. Grazie e complimenti a loro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malore fuori dal supermercato, salvato dai dipendenti con il defibrillatore

TrevisoToday è in caricamento