rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Ancora meningite a Treviso: donna bellunese scopre la malattia dopo una caduta sugli sci

Nuovo caso al Ca' Foncello dove una donna bellunese, ricoverata per i traumi di una caduta sciistica ha scoperto di essere affetta da una grave infezione da pneumococco

TREVISO Sono arrivati a nove i casi di meningite ricoverati all'ospedale Ca Foncello di Treviso e così il reparto di terapia intensiva dell'ospedale trevigiano rischia ora di andare al collasso. L'ultimo episodio è tanto grave quanto sconcertante: si tratta di una sciatrice bellunese che dopo essere stata ricoverata per i gravi ematomi riportati dopo una caduta sulle piste, ha scoperto di aver contratto una meningite da pneumococco dovuta, a quanto pare, alle conseguenze dell'infezione.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso" la donna era caduta mentre stava sciando a Cortina: trasportata in elisoccorso all’ospedale di Belluno, le avevano riscontrato un problema neurochirurgico alla schiena per il quale avevano valutato di trasferirla al Ca’ Foncello. Sembrava, almeno all’inizio, un problema da poco, in nessun modo collegato a un’infezione da pneumococco, ma con il passare delle ore la situazione è peggiorata: febbre alta, malessere, rigidità nucale. Visti i sintomi, i medici trevigiani hanno ipotizzato che potesse trattarsi di meningite. La signora è ora ricoverata in rianimazione dove le è stato somministrato un antibiotico per via endovenosa. Si tratta del nono caso dall'inizio del nuovo anno. Una cifra spaventosa che ora l'Ulss cerca di contrastare distribuendo 800 dosi in più di vaccino per gli ambulatori periferici, che da sabato prossimo, 25 febbraio, daranno il via a sedute straordinarie di vaccinazione per ridurre i lunghi tempi d’attesa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora meningite a Treviso: donna bellunese scopre la malattia dopo una caduta sugli sci

TrevisoToday è in caricamento