rotate-mobile
Cronaca Oderzo

Nuove luci per il Parco di Ca' Diedo: sarà illuminato anche di sera

Terminati nelle scorse ore i lavori per la nuova illuminazione dei giardini pubblici di Oderzo. Il sindaco Scardellato: "Ora il parco diventa più sicuro e frequentabile anche nelle ore serali"

ODERZO Il Parco Ca' Diedo sotto una nuova luce: è quello che hanno potuto vedere mercoledì sera (13 settembre) gli assessori e alcuni consiglieri dell'amministrazione di Oderzo in una passeggiata serale all'interno del parco, finalmente illuminato.

Si è completata in questi giorni, infatti, l'installazione del nuovo impianto di illuminazione dei giardini pubblici di Oderzo. Un progetto costato 32mila euro: si tratta di trenta pali a led a basso consumo energetico scelti, per tipologia, in coerenza con gli altri pali dell'illuminazione pubblica in città. L'impianto funziona in base ad un sistema di regolazione crepuscolare che si attiva e disattiva in base all'effettiva luminosità esterna. L'intervento è il risultato di un lavoro sinergico tra gli uffici comunali – che si sono occupati dell'acquisto dell'impianto e, in parte, all'installazione – e l'azienda esterna che ha assistito la squadra degli operai del Comune per installare i pali.

Spiega l'assessore ai lavori pubblici, Vincenzo Artico: “Grazie al nuovo impianto di illuminazione finalmente il Parco potrà essere frequentato in sicurezza anche nelle ore di minor luce. E' un'azione che si integra con la volontà dell'amministrazione di aprire gli spazi pubblici, anziché chiuderli, in modo che possano essere goduti dalla popolazione. E' tra l'altro un impianto che si inserisce nella logica del Picil, il Piano dell'illuminazione per il contenimento dell'inquinamento luminoso, volto ad implementare strutture intelligenti ad elevato contenuto tecnologico e a basso consumo energetico”. Commenta la sindaca, Maria Scardellato: “La nostra idea è che per aumentare la sicurezza non ci si debba chiudere in casa e non si devono lasciare aree abbandonate ma, al contrario, si debbano aprire e occupare gli spazi urbani con sane attività collettive, come abbiamo fatto anche quest'estate portando gli sport fuori dalle palestre. Per questo abbiamo voluto illuminare i nostri splendidi giardini e vogliamo metterci anche un piccolo chiosco, anche se per quest'ultimo ci vorrà un po' di tempo. Vogliamo aprire, frequentare e animare il territorio chiedendo, contemporaneamente, alle Forze dell'Ordine di rimanerci vicino e di darci conforto con la loro presenza e la loro azione di controllo”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove luci per il Parco di Ca' Diedo: sarà illuminato anche di sera

TrevisoToday è in caricamento