rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca San Zeno

Polizia blocca il party "Remember": "Non è una festa privata"

Era in programma sabato sera allo Sporting Club Zambon di Treviso. Ma l'organizzatore, un dj 17enne, aveva previsto il biglietto d'ingresso. Avrebbe dovuto coinvolgere 1.000 giovani

Quella che è stata presentata (e pubblicizzata) come una festa studentesca, per la questura di Treviso non lo era. Sabato sera era stato organizzato allo Sporting club Zambon di Treviso  il party “Remember”, con tanto di biglietto di ingresso.

La sezione amministratore della Questura di Treviso ha diffidato il 17enne dj e studente trevigiano, che ha organizzato la festa che avrebbe coinvolto un migliaio di giovani.

Manca infatti la licenza a questo tipo di feste da parte dello Sporting Zambon, che aveva ceduto al giovane la struttura per una “festa privata”.

L'organizzatore aveva però previsto un biglietto di prevendita, che dava diritto alla somministrazione di alcolici.

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia blocca il party "Remember": "Non è una festa privata"

TrevisoToday è in caricamento