Asilo vandalizzato e depredato dai ladri: rubati pc e porte scassinate

Danni ingenti quelli provocati all'asilo "Vittoria" di Roncade nella notte tra giovedì e venerdì. Rubati due pc portatili, una macchina fotografica, una macchina per il caffè e le immagini delle telecamere di videosorveglianza

L'istituto visto dall'alto e una delle porte scassinate

"Visitato" dai ladri, nella notte tra giovedì e venerdì, l'asilo nido e la materna "Vittoria" di via Selvatico a Roncade. Ignoti, dopo essere penetrati all'interno forzando una porta nei pressi della palestra, hanno trafugato due pc portatili (tra cui uno utilizzato per una lavagna elettronica donata pochi mesi fa), una macchina per il caffè, una macchina fotografica e perfino il registratore delle immagini dell'impianto di videosorveglianza (le telecamere sono poste a pochi passi dal cancello d'ingresso). Gravi i danni causati dai malviventi, con ben quattro porte interne alla struttura che sono state divelte.

L'episodio, denunciato ai carabinieri, ha creato forte sdegno a Roncade, dando il via ad una gara di solidarietà supportata anche dal sindaco Pieranna Zottarelli. L'associazione roncadese "Solidarietà di Marca", già protagonista di importanti iniziative benefiche nel territorio, ha già annunciato la sua disponibilità. I malviventi sono entrati in azione certamente dopo mezzanotte: nel corso della serata di giovedì infatti un gruppo di genitori era all'interno della struttura per svolgere alcune prove di teatro. I ladri hanno rovistato un pò ovunque: negli uffici, nella sala degli insegnanti, nel nido e nelle aule, risparmiando la sola segreteria. A rendersi conto di quanto era avvenuto è stata, verso le 7.15, una insegnante che ha allertato la direzione e quindi i carabinieri.

Sono fuggiti a mani vuote i ladri che nella notte tra Capodanno e il 2 gennaio, hanno tentato un colpo a Carbonera, all'interno dell'istituto di scuola secondaria "Pino Da Zara" di via Roma. Ignoti, poco dopo l'una di notte, sono penetrati all'interno dell'istituto scassinando una porta: una volta negli uffici sono stati costretti a fuggire dallo scattare del sistema d'allarme. Sul posto è intervenuto il sindaco di Carbonera, Gabriele Mattiuzzo, e i carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento