menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Insegue i ciclisti e li deruba, la polizia arresta l'autore

In cella un moldavo di 33 anni, Roman Palamariuc: il 18 maggio trafugò due cicli del valore di 23mila euro al nipote di Fausto Pinarello. La scorsa settimana lo straniero è stato fermato dagli agenti delle volanti in zona Eden

La sua specialità erano i furti di biciclette di valore, cicli da rubare, smontare e rivendere nel paese d'origine, la Moldavia. Per "studiare" le proprie vittime arrivava a seguirle in sella ad una bici, durante le loro uscite, fino a casa (fotografando gli "obiettivi" da colpire). Poi tornava, scassinava i garage, e si appropriava del mezzo. Nella lunga lista delle sue vittime c'è stato anche il nipote dell'imprenditore trevigiano Fausto Pinarello, Nicola Della Pietà Pinarello: lo scorso 18 maggio riuscì a rubargli due bici (oltre a due set di gomme della Campagnolo e altrettanti set di chiavi) per un valore di circa 23mila euro.

La polizia, dopo aver identificato l'autore dei furti, è riuscita ad arrestarlo: si tratta di un moldavo di 33 anni, Roman Palamariuc. Lo straniero, la scorsa settimana, ha tentato di sfuggire ad un controllo degli agenti delle volanti, in zona Eden a Treviso, ed è stato fermato: aveva con sè alcuni attrezzi da scasso. Gli accertamenti degli investigatori della squadra mobile di Treviso, guidati dal dirigente Claudio Di Paola e coordinati dal pubblico ministero Davide Romanelli, hanno permesso di attribuire al 33enne il colpo a casa di Della Pietà. Per questo motivo il gip Piera de Stefani ha convalidato l'arresto, ordinando il carcere per lo straniero.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Con un "gratta e vinci" da 5 euro ne vince 500mila

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Aeroporto Canova: «Traffico illecito di 127mila euro prima della chiusura»

  • Incidenti stradali

    Scontro tra due auto, una finisce nel fosso: guidatori in ospedale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento