menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Treviso Comic Book Festival 2016: obiettivo crescita raggiunto! Circa 37mila i visitatori!

Gli organizzatori: "Nel 2017 punteremo ancora di più alla qualità dell'offerta culturale". Il bilancio della XIII edizione del Festival Internazionale di Fumetto e Illustrazione parla infatti chiaro: tra i 36 e i 38mila visitatori, 400 ospiti da tutto il mondo, oltre 5mila 600 libri venduti in due giorni, 18 case editoriali e 70 autoproduzioni presenti

TREVISO Il TCBF doveva crescere ed è cresciuto. “Siamo pronti a entrare a Santa Caterina. Il futuro? Una sede per porter lavorare al festival tutto l’anno”. Così gli Organizzatori del Treviso Comic Book Festival, il festival internazionale di fumetto e illustrazione che si è svolto a Treviso tra il 22 e il 25 settembre. Let’s grow, cresciamo, facciamo crescere: il tema del TCBF 2016 è stato pienamente rispettato.

I numeri: tra i 36 e i 38mila visitatori tra mostre, eventi e workshop, circa 250 vetrine già disegnate e altre in arrivo, oltre 400 presenze turistiche in carico al festival, più di 150 autori invitati e altri 250 arrivati per conto proprio o invitati dagli editori, 18 case editrici presenti, ben 70 autoproduzioni (l’area self più grande d’italia con realtà anche da Romania e Norvegia), 120 volontari da tutta Italia coinvolti nel progetto, quasi 5.600 libri a fumetti venduti nei due giorni di mostra mercato. E poi ben 18 novità editoriali presentate in esclusiva a Treviso, tra le quali due debutti su graphic novel da parte di due trevigiani: “Tupac Shakur” (Beccogiallo) di Paolo Gallina e “La medusa” (Canicola) di Roberta Scomparin.

Le mostre: oltre 1.200 presenze in soli due giorni a Fondazione Benetton per la mostra degli inglesi, record assoluto, due ore di coda a mezzanotte a Ca’ dei Carraresi nella sfida vinta di inaugurare una mostra a quell’ora in pieno centro, una media di 500 visitatori a inaugurazione con picchi assoluti di presenza al Museo Bailo per Fior e Caffi e alla mostra sui 40 anni del punk.

Mostra mercato: lo sdoppiamento ha funzionato grazie alla tensostruttura in piazza Matteotti che ospitava i negozianti e alla sede ex Umberto I – Israa di Borgo Mazzini con editori, autori e autoproduzioni.

Workshop: con 500 partecipanti totali tutti sold-out, da quelli di livello avanzato sino ai laboratori per bambini, con partecipanti anche da Slovenia e da tutta Italia.

Le quattro giornate del TCBF sono state per noi un successo incredibile – raccontano gli organizzatori – adesso non ci resta che rimboccarci le maniche e pensare all’edizione 2017. La crescita continuerà, più che parlare di numeri preferiamo puntare alla qualità e, visti i riconoscimenti e i successi registrati al Museo Bailo, a Ca’ dei Carraresi e a Fondazione Benetton, siamo pronti a entrare a Santa Caterina con una mostra. Il primo obiettivo è però trovare una sede: il festival è ormai troppo grande e richiede una segreteria attiva tutto l’anno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento