Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Centro

Nuovo regolamento per la semplificazione delle procedure di gara

Il vicesindaco di Treviso, Andrea De Checchi: «Una misura che va nella direzione dello sviluppo economico: per la crescita serve meno burocrazia»

La conferenza stampa di oggi

Un regolamento di organizzazione e disciplina della competenza degli organi e del flusso degli atti ai fini della ricerca del contraente: è stato messo a punto dal Comune di Treviso un nuovo strumento con l’obbiettivo - nel rispetto della gerarchia delle fonti e, in particolare, del Codice degli Appalti - di definire i processi interni all’ente nell’ottica di maggiore semplificazione e razionalizzazione dei procedimenti amministrativi. Il regolamento si presenta come uno strumento di facile consultazione per consentire agli operatori di avere contezza di tutti i richiami normativi sia del Codice degli Appalti sia delle Linee Guida Anac che disciplinano la materia. A titolo esemplificativo, al comma 2 dell'art. 2 del Regolamento si attribuisce al dirigente un’ampia facoltà di prevedere meccanismi idonei a garantire un più ampio confronto concorrenziale (es. acquisizione di un maggior numero di preventivi di spesa rispetto alla soglia prevista dalla legge).

In sostanza, viene messo a disposizione dei dirigenti un unico strumento al quale fare riferimento, che individua nel dettaglio competenze e flussi e chiarisce definitivamente l’ambito di competenza degli organi. Inoltre, attraverso il nuovo Regolamento si intende: semplificare le modalità di ricerca del contraente; attribuire espressamente al seggio di gara la competenza del controllo della documentazione amministrativa e l'eventuale attivazione del soccorso istruttorio (in precedenza, era necessario che ciò fosse preventivamente previsto nella determinazione a contrarre di ciascun dirigente); semplificare la procedura di nomina delle commissioni aggiudicatrici nelle gare da aggiudicare con il “metodo dell'offerta economicamente più vantaggiosa" prevedendo un organo terzo preposto alla nomina, ovvero il Segretario Generale; prevedere, con maggior dettaglio, i casi in cui occorra stipulare una garanzia definitiva e la forma che tale garanzia deve avere, ovvero, se ed in quali casi occorra fare ricorso all'autenticazione notarile: ciò consente un comportamento coerente da parte di tutti i dirigenti e razionalizza le spese da parte delle ditte che partecipano alle gare. Infine, disciplinare, a seconda degli importi, la forma che la stipula del contratto deve avere (scrittura privata, pubblica o pubblica amministrativa) per assicurare un comportamento coerente da parte di tutti i dirigenti e permettere alle ditte partecipanti alle gare di razionalizzare le spese.

«L’assessorato alle Attività Produttive ha come obbiettivo quello di promuovere lo sviluppo, aspetto che non può prescindere dalla riduzione o da un alleggerimento della macchina burocratica»: le parole del Vicesindaco Andrea De Checchi. «Se le competenze -continua- sono ben definite e le procedure più snelle si dà una grossa mano non solo alla Pubblica Amministrazione ma anche alle imprese che hanno un ruolo fondamentale nella crescita del tessuto economico della Città».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo regolamento per la semplificazione delle procedure di gara

TrevisoToday è in caricamento