Cronaca

Treviso: i giovani ai fast food preferiscono la cucina della nonna

In Galleria Bailo e via Inferiore gli spazi per le idee innovative del Boot Camp, un percorso formativo di otto settimane

TREVISO Treviso Creativa guarda alle giovani generazioni. Venerdì mattina si è tenuto il convegno dal titolo ‘La convivialità a tavola con la nuova generazione’: dalla tradizione rurale alle moderne dinamiche relazionali genitori- figli’ organizzato dal gruppo ristoratori della marca trevigiana – confcommercio rivolto ai giovani degli istituti tecnici e turistici, turistico, linguistico e geometri della città. “Al contrario di quanto si possa pensare e cioè che le giovani generazioni sono tutte amanti dei fast food , dall’incontro di questa mattina è emersa una propensione dei giovani alla cucina della mamma e della nonna – commentano l’assessore allo sviluppo Paolo Camolei e il manager del distretto Aldo Pellegrino – molti di loro amano cucinare insieme agli amici”.

Sempre venerdì mattina si è tenuta la presentazione del progetto ‘The Urban Innovation Boot Camp’ un percorso formativo di 8 settimane, che si terrà dal 12 ottobre al 4 dicembre, organizzato dal Campus di Treviso con la collaborazione di Treviso Smart Community nel quale 40 giovani, selezionati attraverso apposito bando, collaborano allo sviluppo di prodotti e servizi innovativi orientati ai temi della sostenibilità e della crescita inclusiva dell’economia locale. Il BootCamp prevede guest speaker, formazione sui metodi, sessioni di laboratorio creativo, sperimentazioni in città e presentazioni alla classe. “I progetti verranno realizzati in alcuni locali in Galleria Bailo e via Inferiore – dichiarano Camolei e Pellegrino – spazi privati che verranno così rivalutati e rivitalizzati dalle idee innovative dei giovani partecipanti al progetto. Ringraziamo fin da ora i proprietari che hanno voluto credere in questa iniziativa".  

Di seguito i cinque progetti che verranno sviluppati:

1. Recycling&Decorum (in collaborazione con Contarina Spa): creazione di un contenitore smart e di design per il conferimento del materiale riciclabile dei negozi del centro di Treviso, on demand con supporto web.

2. StarTempo: piattaforma web per la creazione di una rete territoriale dell’innovazione che incrocia le progettualità emergenti della città in ambito culturale, sociale, economico ed ambientale con i talenti, le competenze e la voglia di fare dei giovani.

3. Smart Social Housing: (in collaborazione con Unindustria Treviso e Gruppo Ti Innova): moduli abitativi flessibili, economici, eco-compatibili, con finalità sociali per riqualificare gli spazi urbani, integrati da una rete di servizi di auto-mutuo-aiuto.

4. Shared Mobility: (in collaborazione con MOM): servizi di mobilità condivisa on demand tramite applicazione web per la copertura del trasporto pubblico in fascia notturna.

5. Il bambuseto: (in collaborazione con Forever Bambù): riqualificazione aree verdi e assorbimento CO2 con la creazione di un parco bambù usufruibile dalla città e sostenibile anche economicamente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treviso: i giovani ai fast food preferiscono la cucina della nonna

TrevisoToday è in caricamento