A dodici anni accusa l'insegnante di sostegno: «Mi ha toccato il seno»

La ragazza è un alunna di scuola media ed è affetta da un ritardo mentale medio. La consulente del Tribunale di Treviso ha escluso la sua capacità di testimoniare a processo

Un caso di abuso emerge a distanza di anni

«La ragazza  non ha la capacità di testimoniare in un eventuale processo». Si è concluso così, con questa attestazione da parte della psicologa consulente tecnica d'ufficio, l'incidente probatorio del caso della ragazzina di 12 anni,  alunna di istituto della Provincia di Treviso, che accusa  un suo insegnante, un giovane professore, di violenza sessuale. Il caso è approdato in procura a Treviso: a indagare è il sostituto procuratore Barbara Sabbatini e l'incidente probatorio si è svolto davanti al gip Gianluigi Zulian.

La storia è quella di una ragazza, affetta da un ritardo mentale giudicato medio, che accusa l'insegnante, con cui aveva un ottimo rapporto, di averla palpeggiata al seno. Lui, in lacrime davanti agli inquirenti, nega ogni addebito. Agli atti dell'inchiesta sono stati acquisti in messaggi telefonici scambiati dai due: toni affettuosi che per il professore rappresentano soltanto un linguaggio congeniale all'insegnante per entrare in sintonia con l'allieva.

La ragazza aveva raccontato l'accaduta alla madre, che a febbraio  la vedeva particolarmente nervosa. «L'insegnante di sostegno mi  ha toccata» è la rivelazione scioccante della giovane. E la madre va prima alla scuola a chiedere spiegazioni e poi si reca dai carabinieri per sporgere denuncia. L'insegnante, il cui comportamento viene descritto dai colleghi come ineccepibile,  è stato nel frattempo trasferito dalla scuola negli uffici amministrativi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: cos'è il saturimetro e perchè potrebbe salvarti la vita

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento